Edicola

Ricette inutili: medici verso l’agitazione, no a decreto e sanzioni

24/09/2015 02:45:44
Si riscalda il confronto tra medici e ministero della Salute sul decreto per l’appropriatezza prescrittiva che discende dall’accordo Stato-Regioni di luglio sulla spesa Ssn. Come recitava l’intesa, l’obiettivo è quello di mettere il guinzaglio alle prestazioni Ssn (esami, interventi e visite) ad alto tasso di inappropriatezza, anche con la minaccia di sanzioni economiche a carico dei medici che le prescrivono. Allo scopo, la bozza di decreto approntata dal Ministero elenca 208 voci, che vanno dall’odontoiatria alla dermatologia, dalla radiologia alla laboratoristica di base (colesterolo, trigliceridi e così via).

Il testo è stato mostrato martedì ai sindacati dei medici (dipendenti e convenzionati), con la richiesta di restituire commenti od osservazioni entro uno o due giorni al massimo. E tra le sigle di categoria è subito partito il fuoco di fila: In larga parte critici i sindacati che hanno partecipato alla riunione, a partire da Silvestro Scotti (Fimmg): «Faremo le nostre valutazioni sulla valenza scientifica del provvedimento» ha detto per esempio Silvestro Scotti, vicesegretario nazionale della Fimmg «ma il nocciolo della questione èla responsabilità patrimoniale in capo ai medici. A “rispondere” e “pagare”, davanti alla Corte dei conti, saranno soprattutto i generalisti e non è giusto». Perplessità anche da Fp-Cgil: «Imporre sanzioni pecuniarie ai medici che non dovessero rispettare i criteri di appropriatezza definiti dal decreto» ha osservato Massimo Cozza «rischia di rompere il rapporto tra medici e cittadini. Che dovranno pagarsi di tasca propria varie prestazioni».

Sulla stessa linea anche Anaao-Assomed: «Il decreto ministeriale» ha spiegato il presidente nazionale, Domenico Iscaro «non solo spaventa il medico e lo fa lavorare male, ma arreca anche un danno al malato, che vedendosi negare la Tac o l’esame rinuncerà a curarsi del tutto o andrà nel privato. Così salta il delicato e fondamentale rapporto paziente-medico». E continua: «Abbiamo fatto presente al ministro che nessun medico si sogna di contestare l’appropriatezza ma è il metodo che non accettiamo, ovvero realizzare questo passo con un atto amministrativo». Contro anche lo Smi, rappresentato da Mirella Triozzi: « La lotta all’inappropriatezza» è il suo commento «deve avere come obiettivo la fonte principale degli sprechi, che è la disorganizzazione dei servizi. Non ci sottrarremo a fare delle osservazioni sulla bozza di decreto, ma il nostro è un no a “black list” che producono conflitti con i pazienti e creano confusione».

Alle bordate dei sindacati ha risposto ieri il ministro Lorenzin con toni rasserenanti. «Non c'è una caccia al medico» ha detto «le sanzioni scatteranno sul salario accessorio e soltanto dopo un eccesso reiterato di prescrizioni inappropriate e un contraddittorio nel quale il prescrittore potrà giustificare le sue scelte. Solo se non lo farà, scatterà la sanzione». Troppo poco per i sindacati, che hanno confermato la mobilitazione già avviata nei giorni scorsi su invito della Fnomceo, in difesa del Ssn e della professione. (AS)

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni