Edicola

Indagine Pharmaceutical care, il questionario è on line

24/12/2012 12:00:58
Scattare una fotografia del presente per poi costruire un progetto di sviluppo della farmacia imperniato su servizi, arricchimento dell’offerta e rafforzamento del rapporto con il paziente. E’ per guardare lontano che Federfarma ha voluto partecipare al programma di ricerca internazionale Pharmaceutical care network Europe (www.pcne.org) per monitorare lo sviluppo della “pharmaceutical care” nella farmacia del Vecchio Continente. Un’indagine – come spiega a Filodiretto la presidente del sindacato, Annarosa Racca – che avrà bisogno della collaborazione di tutti i titolari italiani, ai quali Federfarma ha inviato ieri una lettera per esortarli a partecipare.
 
Presidente, perché è opportuno contribuire a questa ricerca europea?
Il contesto nel quale siamo chiamati a svolgere la nostra professione è in continua evoluzione. Cambiamenti sociali, economici e legislativi, comportamenti dei governi tendenti a rivedere le logiche con cui la farmacia si interfaccia con il Ssn e al contempo con la collettività, hanno prodotto elementi di netta rottura con gli schemi del passato. La farmacia deve tenere conto di questi cambiamenti e dare risposte adeguate al nuovo contesto.
 
E in questo scenario come si colloca la pharmaceutical care?
La locuzione inglese indica l’assistenza in farmacia al paziente, specificatamente il paziente cronico vista la problematicità che rappresenta agli occhi dei sistemi pubblici. Le farmacie fanno già parecchio in tal senso ma il termine pharmaceutical care contiene in sé un significato sistemico: il paziente è il punto terminale di una rete di servizi che le farmacie erogano in modo integrato con gli altri nodi del servizio sanitario. L’intenzione di Federfarma, quindi è quella di effettuare innanzitutto una ricognizione delle attività già svolte dalla rete delle 16.500 farmacie italiane, per poi disegnare un programma di supporto e rilancio professionale e imprenditoriale che rappresenta la sfida prossima per la nostra professione e al contempo per le nostre aziende.
 
Quindi i titolari che volessero dare il proprio contributo a questa indagine che devono fare?
Basta cliccare sul “banner” presente nell'homepage del sito di Federfarma, quello con il logo Federfarma e Gsk, che sostiene la ricerca, accedere all’area riservata e rispondere al questionario, realizzato con il supporto scientifico e metodologico di Giancarlo Nadin, docente di marketing dell’Università Cattolica di Milano. I dati forniti verranno trattati nel rispetto delle norme sulla privacy e serviranno a fotografare lo stato attuale della farmacia dei servizi e i possibili scenari in cui si potrà evolvere. Chi partecipa, potrà ricevere a ricerca conclusa dati analitici sullo stato dell’arte della pharmaceutical care su una scala di dettaglio regionale o, nel caso, provinciale. Sono informazioni che consentiranno da subito di avere un quadro aggiornato di come la farmacia si sta muovendo nel contesto della sua area territoriale, con elementi di confronto rispetto agli altri esercizi e alle farmacie degli altri paesi europei.

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni