Edicola

Istat: tra meno abbienti 7 famiglie su 10 tagliano spesa sanitaria

25/04/2013 00:00:12
Sanità sempre più pesante. Per le famiglie meno abbienti così come per le Regioni. Lo dicono Istat e Consiglio nazionale delle ricerche, dai quali arrivano a breve distanza tra loro due analisi che misurano la crescente insostenibilità del sistema sanitario, per il pubblico come per il privato. Il primo intervento è quello dell’Istituto nazionale di statistica, che con il suo presidente Enrico Giovannini (tra i papabili per un ministero in un eventuale governo Letta) è stato ascoltato ieri dalla commissione speciale delle due Camere sul Def, il Documento di economia e finanza. Nella sua relazione, Giovannini ha lanciato l’allarme sugli effetti della crisi tra i ceti più deboli: in quel 10% di italiani che si contraddistingue per la spesa mensile più bassa (in media 987 euro), sette famiglie su dieci hanno dovuto eliminare «le spese per visite mediche, analisi cliniche ed esami radiologici, mantenendo quella – incomprimibile – per i medicinali».
Se invece si sposta l’osservazione sui ceti superiori, l’impressione è che questa parte di popolazione riesca a reggere anche se con fatica crescente. Tra il 1997 e il 2011, per esempio, la spesa sostenuta mensilmente per la salute dalle famiglie della classe media è diminuita in termini percentuali di appena lo 0,3% (dal 4 al 3,7%) ma in termini assoluti è aumentata: facevano poco più di 66 euro al mese nel ’97, sono circa 77 quindici anni dopo. Differenze ancora maggiori tra i ceti più abbienti: in quello che la statistica chiama “ultimo decile” (il 10% di famiglie dalla spesa più elevata), nel ’97 le famiglie davano alla sanità circa 200 euro al mese (il 4,2%), oggi ne vanno 220 (due decimi in meno).
Oneri sempre più pesanti anche per le Regioni, che devono anche fare i conti con i tagli del governo centrale. In questo caso l’allarme arriva dal Cnr, che attraverso l’Issirfa – l'Istituto di studi sui sistemi regionali federali e sulle autonomie – ha appena pubblicato il Rapporto sulle autonomie per il 2012. La previsione degli esperti, in sostanza, è che assicurare a tutti gli italiani i Livelli essenziali di assistenza (lea, tra i quali l’assistenza farmaceutica) diventerà sempre più difficile anche per le Regioni messe meglio in quanto a governo del sistema e disponibilità di risorse. I tagli della spending review e i paletti al fondo sanitario nazionale, poi, renderanno ancora più ostico il rientro dal deficit a quelle amministrazioni che sono sotto piano di rientro. E intaccheranno ulteriormente il diritto alla salute. (AS)

Notizie correlate

04/12/2017

Censis, crescono spesa sanitaria privata e liste di attesa

Continua a crescere la spesa sanitaria privata in capo alle famiglie, pari a 33,9 miliardi di euro nel 2016 (+1,9% rispetto al 2012). Mentre si gonfiano le liste d'attesa nel pubblico. E' quanto emerge dal Rapporto 2017 del Censis sulla situazione sociale del Paese...
24/10/2017

Spesa farmaci, Aifa: primo semestre convenzionata 4,2 miliardi

Nei primi sei mesi dell’anno la spesa farmaceutica convenzionata, cioè quella che passa dalle farmacie del territorio, è cresciuta di quasi un punto percentuale rispetto allo stesso periodo del 2016. Un contenuto incremento che per ora non mette a rischio...
13/07/2017

Spesa farmaci, convenzionata +2,6% nel primo trimestre 2017

Inizio d’anno con l’acceleratore pigiato per la spesa farmaceutica convenzionata, che tra gennaio e marzo cresce del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. E’ l’indicazione che arriva dal primo report dell’anno di Federfarma, che a cadenza trimestrale...
04/07/2017

Spesa farmaci: convenzionata -0,5%, acquisti diretti +8,7%

Cambia l’ordine dei tetti ma il risultato rimane sempre lo stesso: la spesa farmaceutica che passa dalle farmacie del territorio rispetta ampiamente il proprio budget, quella che transita da Asl e Aziende ospedaliere no. E scava nei conti delle Regioni buchi grandi...
15/04/2017

Spesa farmaci: convenzionata 2017 stabile sopra gli 8 miliardi

Nel 2017 la spesa farmaceutica convenzionata, cioè quella che passa dalle farmacie del territorio, dovrebbe restare stabile sugli livelli dell’anno scorso, poco sopra gli 8 miliardi di euro. Una crescita zero che rappresenta comunque una buona notizia...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni