Edicola

Corte dei conti promuove Enpaf: saldi economico-patrimoniali ok

25/07/2014 00:27:14
Luce verde dalla Corte dei Conti al consuntivo 2013 dell’Enpaf, l’ente di previdenza dei farmacisti. Questo l’esito della verifica di gestione effettuata dalla sezione centrale di controllo della Corte, che nella relazione finale promuove i “fondamentali” dell’istituto. «I risultati» scrivono in particolare i giudici contabili «non mettono in evidenza nel 2013 – così come del resto nei precedenti esercizi – discontinuità di un qualche rilievo e confermano l’andamento sostanzialmente positivo dei principali saldi economico-patrimoniali». L’avanzo di esercizio, riassume la relazione, è pari a 133,026 milioni, in lieve flessione rispetto a quello del precedente esercizio (133,988 milioni) per «la diminuzione dei ricavi derivanti dalla gestione del patrimonio mobiliare, solo parzialmente controbilanciati dal risultato maggiormente positivo del saldo tra entrate contributive e prestazioni istituzionali». Sempre a proposito di prestazioni, «è da porre in evidenza come il saldo della gestione previdenziale e assistenziale, positivo per 96,7 milioni, mostri un aumento di circa 1,7 milioni sul 2012». Determinanti a tal proposito «sono le entrate da contributo dello 0,90, il cui gettito (pari a 92,815 milioni) è, peraltro, in continua diminuzione dal 2010».
Il numero degli iscritti, si rileva ancora nella relazione, aumenta di 2.994 unità (con un tasso dello 0,4% sul 2012). Tra questi, un numero sempre più elevato (15.295 contro i 12.604 del 2012) è costituito da coloro che hanno optato per il contributo di solidarietà. «Il rapporto tra numero degli iscritti al netto dei versanti il contributo di solidarietà e quello dei trattamenti pensionistici erogati» calcolano i giudici «è pari a 2,65 (2,57 nel 2012)».
La solidità dei fondamentali economico-patrimoniali dell’Enpaf spingono così la Corte dei conti a indugiare sui suoi impieghi. «Continua a rivestire una qualche consistenza» si legge infatti nella relazione «la massa dei crediti della Fondazione verso iscritti e terzi contribuenti, che nel 2013 si attesta su 53,2 milioni». Di tale cifre, 25,2 milioni fanno riferimento a debiti delle Asl per il contributo dello 0,90; altri 26 milioni invece sono crediti per contributi ordinari degli iscritti, «dei quali più del 50 per cento è rappresentato da crediti pregressi». I giudici contabili, quindi, tornano «a ribadire l’esigenza che l’Ente ponga in essere ogni utile iniziativa ai fini della loro riscossione, specialmente di quelli risalenti ad esercizi remoti» per i quali sarà anche necessario «verificarne l’esigibilità». (AS)

Notizie correlate

02/05/2018

Previdenza dei farmacisti: ormai indifferibile una riforma stutturale

Una revisione complessiva e strutturale delle disposizioni che regolano la previdenza dei farmacisti  è ormai indifferibile. Lo ribadiscono i rappresentanti di Federfarma,  FOFI e Fenagifar  che, nell’ottica di rendere concreta la volontà riformatrice che giunge unanime dalle diverse componenti della categoria...
11/10/2016

Legge bilancio, Marazziti: su Ssn si lavora a Fondo di 113 miliardi

Al Servizio sanitario nazionale verrà assegnato per il 2017 un finanziamento di poco più di 113 miliardi di euro, cioè quanto preventivato questa primavera dal Documento di economia e finanza. Questo almeno è l’obiettivo al quale stanno lavorando Governo e maggioranza secondo Mario Marazziti...
13/07/2016

Ddl concorrenza, da commissione Industria sì a giro di vite su catene

E’ stato approvato dalla commissione Industria l’emendamento dei relatori 48.100 che vieta a ogni singola catena di controllare, direttamente o indirettamente, più del 20% delle farmacie esistenti in ogni regione. Non passano invece l’emendamento 48.79, che innalzava le soglie di fatturato per le agevolazioni alle rurali sussidiate, e il 48.26, che imponeva alle società di...
29/04/2016

Riforma Enpaf, le osservazioni di Federfarma: priorità alle pensioni

Federfarma è disposta a ragionare su un incremento della contribuzione a carico dei titolari di farmacia e dei loro familiari farmacisti, ma soltanto se il nuovo sistema saprà garantire a chi va in pensione prestazioni certe e decisamente migliori di quelle oggi erogate...
28/01/2016

Previdenza, da Federfarma ed Enpaf tavolo per esplorare riforma

La riforma della previdenza Enpaf dovrà necessariamente passare da una revisione dei meccanismi che determinano il trattamento previdenziale dei titolari di farmacia, in modo che ci sia maggiore equità tra quanto versano e quanto poi riceveranno una volta a riposo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni