Edicola

Ocse, farmacia leva per accrescere efficienza dei sistemi sanitari

25/11/2016 01:35:50
Il ruolo recitato nel “setting” delle Cure primarie da farmacie del territorio e infermieri dovrebbe essere esteso e rafforzato, perché le esperienze maturate da alcuni Paesi dimostrano che le due figure possono fornire un contributo determinante al miglioramento dell’assistenza, soprattutto nelle cronicità. E’ quanto sostiene l’Ocse nell’edizione 2016 di Health at a glance, il tradizionale Rapporto annuale con cui l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico dà conto di cifre e tendenze dei sistemi sanitari nei 35 Paesi associati. Lo studio, in particolare, individua nel progressivo invecchiamento demografico e nella sostenibilità economica (a fronte del contesto globale e dell’innovazione farmaco-tecnologica) le due insidie che oggi mettono a rischio le fondamenta dei servizi sanitari pubblici. «I Governi» scrive l’Ocse «dovranno affrontare pressioni sempre maggiori al fine di rispondere alle crescenti esigenze di assistenza a lungo termine». In dettaglio, «sarà necessario migliorare ulteriormente la pianificazione e l'organizzazione dei servizi al fine di potenziare la resilienza dei sistemi sanitari. Al fine di soddisfare le crescenti richieste a fronte di risorse limitate, inoltre, sarà fondamentale raggiungere migliori livelli di efficienza nella spesa ospedaliera e farmaceutica, nonché nell'amministrazione e in altre voci di spesa sanitaria».

Queste migliorie, è la tesi dell’Ocse, si concretizzeranno soltanto se i governi saranno capaci di ridistribuire la spesa sanitaria e investire sui setting strategici, come le Cure primarie. Il cui rafforzamento è cruciale per «fornire alla popolazione un’assistenza continua, onnicomprensiva e coordinata». E’ in questo contesto che il Rapporto individua nella farmacia del territorio e nell’infermiere due risorse da valorizzare e responsabilizzare. Parecchie evidenze, scrive in particolare l’Ocse, mostrano che l’infermiere può erogare prestazioni di qualità analoga a quella assicurata dai medici di famiglia tanto nella cronicità quanto nell’acuzie, ovviamente dopo un’adeguata formazione e il necessario affiancamento generalista. Per quanto concerne la farmacia, invece, l’esperienza dimostra che un ampliamento del suo ruolo sul fronte della prevenzione garantisce progressi significativi. Al riguardo, il Rapporto cita il caso della Finlandia, dove le farmacie del territorio partecipano attivamente alle cure e alla prevenzione delle principali patologie croniche. Accrescere il ruolo dei presidi dalla croce verde, è la conclusione dell’Ocse, «assicura ai Paesi europei un’importante leva per incrementare la sanità d’iniziativa e migliorare la gestione delle malattie a lungo termine». Si può soltanto sperare che gli amministratori del Ssn abbiano letto lo studio con la massima attenzione. (AS)

Notizie correlate

16/01/2018

Lo psicologo in farmacia, ecco il modello vincente

“Psicologia in farmacia. Un nuovo modello di aiuto” è il titolo del convegno di ieri in Senato, organizzato dal Consiglio Nazionale Ordine Psicologi e patrocinato dalla Federazione Ordini Farmacisti Italiani. Obiettivo dei lavori, quello di definire le procedure...
11/01/2018

A Roma il prossimo 26 febbraio gli Stati generali della Farmacia

Il futuro della farmacia italiana: scenari, obiettivi, soluzioni. I partiti a confronto. Questo il titolo dell’evento promosso e organizzato da Federfarma che si terrà a Roma il prossimo 26 febbraio all’Hotel Cavalieri e che sarà l’occasione per discutere dei temi più caldi...
24/11/2017

Studi di settore, farmacie tra le attività più ligie verso il Fisco

Anche nel 2016 le farmacie si riconfermano tra le attività d’impresa sottoposte a studi di settore più “ligie” nei confronti del Fisco. Lo dicono le statistiche dell’Agenzia delle Entrate sulle dichiarazioni dei redditi 2017, relative al periodo d’imposta dell’anno...
13/07/2017

Federfarma Servizi e Federfarma insieme per l'indipendenza e la libertà della farmacia

Alla vigilia dell’approvazione del DDL concorrenza è cruciale consolidare e accrescere il sistema di sinergie tra la farmacia e le società di distribuzione dei farmacisti, e per farlo è necessario avere una fotografia dell’attuale scenario. Questo il presupposto sul quale si basa la decisione presa dai responsabili di Federfarma e Federfarma Servizi...
08/06/2017

Ritiro referti, Garante privacy: solo in farmacia, no erboristerie e "para"

I referti di visite ed esami diagnostici possono essere ritirati dal paziente soltanto nella struttura sanitaria che li ha prodotti oppure nelle farmacie convenzionate, non in altri esercizi. E’ quanto ricorda il Garante della Privacy, Antonello Soro, nella Relazione annuale sull’attività condotta dall’authority nel 2016, presentata l’altro ieri alla Camera davanti alla presidente Laura Boldrini...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni