Edicola

Online, crescono farmacie registrate

26/03/2016 05:57:41
Cresce lentamente ma con regolarità il numero delle farmacie autorizzate alla vendita online di Sop e Otc. A due mesi circa dalla circolare del Ministero che aveva dato luce verde all’e-commerce, infatti, sono più di 50 i presidi dalla croce verde registrati sul portale del dicastero Salute: sette in Campania, Marche e Puglia, uno in Friuli Venezia Giulia, Toscana, Val d’Aosta e Lazio, 23 in Piemonte, tre in Sardegna. Non è una corsa forsennata, ma sono numeri che testimoniano ancora una volta la disponibilità delle farmacie a sperimentare e innovare, in barba ai soliti luoghi comuni.

La progressione, peraltro, avanza a macchia di leopardo, ancora una volta per colpa di una burocrazia regionale che non viaggia dappertutto alla stessa velocità. La normativa, infatti, impone ai titolari di rivolgersi alle Regioni per chiedere l’autorizzazione alla vendita online, ma dalla mappatura effettuata nelle settimane scorse da Federfarma risulta che soltanto 14 amministrazioni su 21 hanno adottato le delibere necessarie. E dov’è stato fatto, il risultato è la solita piccola babele federalista: in cinque regioni (Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli e Valle d’Aosta) i titolari devono inoltrare la richiesta di autorizzazione all’Asl competente; in due il destinatario è il comune (Emilia Romagna e Toscana); in sette la domanda va inoltrata direttamente all’amministrazione provinciale o regionale (Piemonte, Bolzano, Marche, Puglia, Campania, Sardegna e Lazio). Chiudono le sette regioni dove ancora non s’è deciso nulla: Sicilia, Calabria, Basilicata, Molise, Abruzzo, Umbria e Trento.

Il fatto è che il ritardo registrato da queste ultime sette amministrazioni innesca disparità, perché le farmacie che in queste regioni vorrebbero vendere via web nel resto d’Italia non possono farlo, mentre le altre sì. «In mancanza di un provvedimento che specifichi l’ufficio cui chiedere l’autorizzazione» è il parere di Quintino Lombardo, avvocato ed esperto di legislazione del web «il titolare può sempre inviare la domanda al Servizio farmaceutico, ossia l’ente che teoricamente ha maggiore competenza in materia. La scorciatoia però risolve poco: se l’ufficio non replica entro trenta giorni il farmacista non può far scattare la regola del silenzio-assenso, perché il Ministero rilascia logo e registrazione sul portale solo se c’è il numero dell’autorizzazione regionale».

Per fornire un orientamento ai titolari che vogliono cimentarsi con l’e-commerce di Sop e Otc (così come dell’extrafarmaco), Federfarma ha predisposto un vademecum che riepiloga norme, adempimenti e disposizioni. La pubblicazione verrà distribuita a Cosmofarma, in programma a Bolognafiere dal 15 al 17 aprile, allo stand istituzionale di Federfarma. (ML)

Notizie correlate

15/06/2018

Farmaci veterinari: meno vendite online, più lotta alla resistenza antimicrobica

Federfarma esprime soddisfazione per la scelta finale dell’Unione Europea - convintamente supportata fin dal primo momento dal nostro Ministero della Salute - che non consentirà la vendita indiscriminata di tutti i farmaci veterinari tramite il canale online...
10/04/2017

Ministero Salute oscura sito web per vendita illegale di farmaci. Apprezzamento di Federfarma

Federfarma esprime forte apprezzamento per il Ministero della Salute che, con un provvedimento d’urgenza, ha inibito l’accesso,  da parte degli utenti sul territorio italiano, ad un sito internet con dominio tedesco, sul quale si potevano comprare farmaci che in Italia sono sottoposti a obbligo di ricetta medica...
07/03/2017

Farmacie online e siti medici, il web alletta ma i rischi restano alti

Rappresentano la nuova frontiera europea dell’e-commerce farmaceutico, l’ultimo grido in fatto di “customer service” quando il customer (cioè il cliente) è un manager indaffarato che non ha tempo di fare file o un assistito di compagnia sanitaria che viene rimborsato a piè di lista, dopo aver inviato ricetta e scontrino
14/02/2017

Germania, i parkinsoniani: farmacie reali meglio dell’online

Farmacie online? No grazie, meglio quelle di calce e mattoni, vicine a casa e fornite di un farmacista che può sempre fornire un consiglio o personalizzare cure e assistenza. Capita a volte di sentirlo dire da qualche paziente, e naturalmente fa piacere...
20/01/2017

Farmaci online e falsificati, collaborazione tra Aifa e Antitrust

Contrabbando di medicinali, e-commerce clandestino, falsificazioni. Mira innanzitutto a contrastare le illegalità che ruotano attorno al farmaco la collaborazione tra Aifa e Antitrust sancita dal protocollo firmato ieri a Roma da Mario Melazzini...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni