Edicola

Fascia C, Corte Ue richiamata inutilmente in causa da Tar Catania

26/07/2014 07:52:36
Al Tar Catania non bastano le argomentazioni con cui a dicembre la Corte di giustizia europea aveva sancito la legittimità delle norme italiane che riservano alle farmacie la vendita degli etici non rimborsati. Quella sentenza, come si ricorderà, faceva riferimento a una doppia richiesta di pronuncia pregiudiziale sollevata più di un anno prima dal Tar Lombardia, ma prima che la Corte Ue si esprimesse anche i giudici amministrativi del Tribunale di Catania avevano inviato una questione pregiudiziale (sempre sull’onda di un ricorso presentato da una parafarmacia cui era stata rifiutata l’autorizzazione a vendere farmaci di fascia C). Non a caso, nel dispositivo che dava ragione alle farmacie italiane i magistrati europei invitavano il Tar catanese a valutare se le motivazioni addotte rappresentassero risposte adeguate anche alla loro interpellanza. Il 10 luglio (ma l’ordinanza è stata depositata soltanto l’altro ieri) i giudici siciliani hanno invece confermato il quesito, chiedendo di fatto alla Corte Ue di esprimersi una seconda volta. Occhio alle date perché sono importanti: la decisione del Tribunale catanese, infatti, precede di otto giorni la pubblicazione della sentenza con cui la Consulta – a sua volta chiamata in causa dal Tar Calabria – aveva respinto ogni dubbio di legittimità costituzionale sulle norme che riservano alle farmacie la distribuzione della fascia C. «Non c’è alcuna irragionevolezza nel prevedere che per determinati medicinali permanga l’obbligo della prescrizione medica e, di conseguenza, il divieto di vendita nelle parafarmacie» è la riflessione-chiave «perché è indubbio che fra i due esercizi permangono una serie di significative differenze».
Se il Tar Catania avesse letto il dispositivo della Consulta prima di optare per la conferma del quesito davanti alla Corte Ue, forse la piega degli eventi sarebbe stata diversa. Anche se, a dirla tutta, pure la sentenza dei giudici europei del 5 dicembre scorso è chiarissima nei contenuti: un’eventuale liberalizzazione della fascia C, era il ragionamento, «potrebbe causare non soltanto una diminuzione della qualità del servizio», ma anche «la chiusura definitiva» di alcuni presidi, da cui «una penuria di farmacie in determinate parti del territorio e, pertanto, un approvvigionamento inadeguato di medicinali quanto a sicurezza e qualità». La deregulation degli etici non rimborsati, in sostanza, «avrebbe ripercussioni negative sull’effettività dell’intero sistema di pianificazione delle farmacie e quindi sulla sua stabilità». In altri termini, l’esclusiva sull’etico non rimborsato è funzionale «all’obiettivo di assicurare un rifornimento di medicinali alla popolazione sicuro e di qualità» e il fatto che la liberalizzazione riguarderebbe soltanto farmaci pagati interamente dal cittadino «non può ridurre la portata di un rischio simile». Si fa fatica a capire perché il Tar Catania ritenga insufficienti le motivazioni della Corte. E quasi certamente faranno fatica a capirlo anche i giudici del Lussemburgo: altrimenti, non avrebbero chiesto al Tribunale siciliano se la sentenza di dicembre gli bastasse. (AS)

Ultime notizie

18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....
28/03/2019

Dal Sunifar (farmacie rurali) un progetto per i cittadini delle aree interne del paese

Qual è il contributo che la farmacia rurale può dare per migliorare la qualità della vita delle persone, rafforzare la comunità, superare le diseguaglianze territoriali e sociali, in particolare nelle Aree Interne del Paese?
A questa domanda fornisce risposte concrete il progetto presentato dal Sunifar (farmacie rurali) in collaborazione con Cittadinanzattiva e Uncem...
27/03/2019

"Tour della Salute" e "Crescendo in Salute": prevenzione e benessere in 14 tappe

Non lascia, ma anzi raddoppia il "Tour della Salute", che quest'anno, giunto alla seconda edizione, è pronto a partire per un nuovo viaggio itinerante, proponendo anche il format "Crescendo in Salute". Il doppio evento, dal 4 maggio al 27 ottobre prossimi, toccherà le piazze di 14 regioni italiane con l'obiettivo di sensibilizzare...
01/03/2019

Dagli Stati Generali a Roma le proposte della farmacia italiana

Più di 2.300 titolari di farmacie private hanno partecipato ieri a Roma alla seconda edizione degli Stati Generali della Farmacia Italiana, per consolidare il confronto interno alla categoria e presentare alla politica e alle istituzioni le proposte delle farmacie per migliorare il servizio ai cittadini. Il presidente Marco Cossolo ha evidenziato come la frammentazione delle politiche del farmaco...
08/02/2019

Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno

“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare un numero sempre maggiore di farmaci a coloro che ne hanno bisogno” afferma il presidente di Federfarma Nazionale Marco Cossolo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni