Edicola

Fascia C, Corte Ue richiamata inutilmente in causa da Tar Catania

26/07/2014 07:52:36
Al Tar Catania non bastano le argomentazioni con cui a dicembre la Corte di giustizia europea aveva sancito la legittimità delle norme italiane che riservano alle farmacie la vendita degli etici non rimborsati. Quella sentenza, come si ricorderà, faceva riferimento a una doppia richiesta di pronuncia pregiudiziale sollevata più di un anno prima dal Tar Lombardia, ma prima che la Corte Ue si esprimesse anche i giudici amministrativi del Tribunale di Catania avevano inviato una questione pregiudiziale (sempre sull’onda di un ricorso presentato da una parafarmacia cui era stata rifiutata l’autorizzazione a vendere farmaci di fascia C). Non a caso, nel dispositivo che dava ragione alle farmacie italiane i magistrati europei invitavano il Tar catanese a valutare se le motivazioni addotte rappresentassero risposte adeguate anche alla loro interpellanza. Il 10 luglio (ma l’ordinanza è stata depositata soltanto l’altro ieri) i giudici siciliani hanno invece confermato il quesito, chiedendo di fatto alla Corte Ue di esprimersi una seconda volta. Occhio alle date perché sono importanti: la decisione del Tribunale catanese, infatti, precede di otto giorni la pubblicazione della sentenza con cui la Consulta – a sua volta chiamata in causa dal Tar Calabria – aveva respinto ogni dubbio di legittimità costituzionale sulle norme che riservano alle farmacie la distribuzione della fascia C. «Non c’è alcuna irragionevolezza nel prevedere che per determinati medicinali permanga l’obbligo della prescrizione medica e, di conseguenza, il divieto di vendita nelle parafarmacie» è la riflessione-chiave «perché è indubbio che fra i due esercizi permangono una serie di significative differenze».
Se il Tar Catania avesse letto il dispositivo della Consulta prima di optare per la conferma del quesito davanti alla Corte Ue, forse la piega degli eventi sarebbe stata diversa. Anche se, a dirla tutta, pure la sentenza dei giudici europei del 5 dicembre scorso è chiarissima nei contenuti: un’eventuale liberalizzazione della fascia C, era il ragionamento, «potrebbe causare non soltanto una diminuzione della qualità del servizio», ma anche «la chiusura definitiva» di alcuni presidi, da cui «una penuria di farmacie in determinate parti del territorio e, pertanto, un approvvigionamento inadeguato di medicinali quanto a sicurezza e qualità». La deregulation degli etici non rimborsati, in sostanza, «avrebbe ripercussioni negative sull’effettività dell’intero sistema di pianificazione delle farmacie e quindi sulla sua stabilità». In altri termini, l’esclusiva sull’etico non rimborsato è funzionale «all’obiettivo di assicurare un rifornimento di medicinali alla popolazione sicuro e di qualità» e il fatto che la liberalizzazione riguarderebbe soltanto farmaci pagati interamente dal cittadino «non può ridurre la portata di un rischio simile». Si fa fatica a capire perché il Tar Catania ritenga insufficienti le motivazioni della Corte. E quasi certamente faranno fatica a capirlo anche i giudici del Lussemburgo: altrimenti, non avrebbero chiesto al Tribunale siciliano se la sentenza di dicembre gli bastasse. (AS)

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni