Edicola

Regionalismo non aiuta, su farmaco serve governo nazionale

27/01/2015 00:46:23
«Quando si parla di governance del farmaco, il primo problema con cui fare i conti è quello della frammentazione regionalista: accesso ai medicinali e appropriatezza dei consumi non sono uguali in tutto il Paese, così come diverse sono le politiche perseguite dalle regioni in materia di farmaci». Si risolve in un altro affondo al federalismo sanitario l’intervento del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alla conferenza stampa organizzata ieri dall’Aifa per presentare il Rapporto dell’Osmed sui consumi farmaceutici nei primi nove mesi del 2014. A spingerla sul tema i dati di spesa, secondo i quali la territoriale (convenzionata più diretta/dpc) e l’ospedaliera ormai quasi si equivalgono, e soprattutto l’allarme lanciato da direttore generale dell’Agenzia del farmaco, Luca Pani, sulla sostenibilità del sistema: «Il Ssn oggi copre quasi il 75% dei 20 miliardi che nel 2014 si sono spesi globalmente in Italia per i medicinali» ha detto Pani «ma con gli innovativi che si profilano all’orizzonte sarà sempre più difficile restare su questi valori».
I nuovi farmaci, in altri termini, rischiano di mandare il sistema gambe all’aria e per evitarlo non c’è altro che rivedere i meccanismi con cui oggi vengono negoziati i prezzi di acquisto: «Abbiamo posto il tema degli innovativi in cima all’agenda fin dall’inizio del semestre italiano di presidenza Ue» ha detto Lorenzin «perché il problema non riguarda soltanto noi ma tutti i paesi occidentali. E dunque, soltanto unendo le forze – Europa, Usa e Canada – possiamo trovare nuovi modi con i quali sostenere l’acquisto dei farmaci in arrivo».
Anche qui poi va superata la frammentazione federalista: «Le mini-Aifa istituite da alcune Regioni e i ritardi con cui altre autorizzano l’ingresso dei nuovi farmaci nei prontuari» ha ricordato il Ministro «non ci aiutano nella negoziazione dei prezzi», perché le aziende sono meno propense a concedere ribassi quando non hanno certezze su dimensioni dei mercati e immissione effettiva in commercio dei loro prodotti. «Ormai» ha detto ancora Lorenzin «la prima cosa che chiede l’industria quando si siede a negoziare sul prezzo di un innovativo è quella di poterlo distribuire su tutto il territorio nazionale». Per capire invece come vanno oggi le cose basta prendere il caso del sofosbuvir, il farmaco anti-epatite C di recentissima immissione sul mercato: finora sono soltanto una trentina i pazienti che hanno potuto assumerlo e cinque le Regioni che l’hanno reso disponibile (individuando i centri di riferimento ai quali affidare il trattamento). «E’ da due anni che parliamo della necessità di dare al farmaco un governo unico a livello nazionale» ha concluso il Ministro «frammentazione e differenze di accesso ai medicinali sono oggi il primo problema». I governatori sono avvertiti.

Notizie correlate

20/10/2017

Cittadinanzattiva: il federalismo sanitario continua a dividere

La Sanità federalista è un mosaico di zolle tettoniche separate tra loro da disuguaglianze che non riconoscono a tutti gli italiani pari accesso ai farmaci e alle prestazioni. E’ l’impietosa fotografia scattata dall’ultimo Rapporto sul federalismo in Sanità, presentato...
19/09/2017

Parafarmacie, si esplorano spazi per emendamento al ddl Lorenzin

Federfarma e Comitato nazionale anticrisi delle parafarmacie esploreranno nei prossimi giorni assieme al presidente della commissione Affari sociali della Camera, Mario Marazziti, gli spazi per arrivare a un provvedimento condiviso che sancisca...
14/12/2016

Riconferma Lorenzin, crescono gli apprezzamenti di filiera e sanità

Riscuote ampio consenso la riconferma di Beatrice Lorenzin al dicastero della Salute. Dopo Federfarma, tra i primi a congratularsi con il Ministro una volta ufficializzato il nuovo governo, dal mondo del farmaco e della Sanità sono arrivati ieri ulteriori apprezzamenti...
06/10/2016

Lea, Lorenzin alla Camera: aumentano prestazioni e copertura Ssn

Nei nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza) entrano la procreazione medicalmente assistita, omologa ed quella eterologa, l'adroterapia, ovvero una radioterapia oncologica utilizzata per la cura del tumore al cervello, e l'enteroscopia con...
17/05/2016

Ddl Lorenzin: polemiche per nuove professioni sanitarie

Il ddl Lorenzin su sperimentazione clinica e riorganizzazione degli Ordini professionali entra da domani nell’aula della Camera, per quella che dovrebbe essere l’ultima tappa dell’iter di conversione. Una tappa che le farmacie faranno bene a seguire da vicino...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni