Edicola

Il nuovo parlamento: seggi e primi nomi di spicco

27/02/2013 10:17:12
Centrosinistra con la maggioranza relativa alla Camera e al Senato, ma senza i numeri per governare neanche nell’eventualità di un’alleanza con la Lista Monti. A 24 ore dallo scrutinio dell’ultima scheda è praticamente completata la mappa del nuovo Parlamento, compresi i seggi delle circoscrizioni estere e quelli del Trentino (assegnati in base a un meccanismo uninominale). E sono anche già noti quasi tutti i nomi dei deputati e senatori che lo andranno a occupare, tra riconferme e abbondanti “new entry” causa tsunami-Grillo. Alla Camera il centrosinistra mette in carniere una maggioranza granitica grazie al “premio” che il sistema elettorale (il vituperato porcellum) riconosce alla coalizione con il maggior numero di preferenze a livello nazionale: fanno 345 seggi in tutto contro i 125 del centrodestra, nonostante i due partiti siano divisi, in termini di preferenze, da un risicato 0,4%. Seguono il M5S con 105 seggi e la Lista Monti con 47. Ben altri distacchi al Senato: nonostante per voti il centrosinistra stia davanti a Berlusconi di circa un punto percentuale, il diverso meccanismo dei bonus (applicati a livello regionale) dà alla coalizione guidata da Bersani 123 seggi (compresi 4 della circoscrizione estero) contro i 117 del centrodestra, i 54 del M5S e i 19 di Monti.
Differenza di meccanismi e liste bloccate sono state determinanti anche nella selezione degli eletti. Per quanto concerne il solo mondo della Sanità, entrano in Parlamento il presidente dell’Ordine dei medici, Amdeo Bianco, e quello dell’Ipasvi (infermieri) Annalisa Silvestro, entrambi nel Pd; tra i democratici semaforo verde anche per Ignazio Marino, presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori nel SSn, e Nerina Dirindin, ex assessore alla Sanità della Sardegna. Per il Pdl entrano invece alla Camera Roberto Formigoni, ex governatore della Lombardia, Raffaele Calabrò, ex componente della commissione Igiene e Sanità, e Benedetto Fucci, Affari sociali, mentre al Senato ritroviamo Maurizio Sacconi, ex ministro del Welfare. Nella Lista Monti, infine, si segnalano alla Camera l’ex ministro della Salute Renato Balduzzi e l’ex presidente della Fiaso, Giovanni Monchiero.

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni