Edicola

Cefalgici, Racca: da farmacia risposta personalizzata

27/02/2014 09:52:53
Per il paziente cefalgico le farmacie sono un punto di riferimento importante: aiutano i pazienti a utilizzare al meglio gli antidolorifici, fanno informazione sul corretto utilizzo dei farmaci e sugli stili di vita, monitorano i consumi, orientano e consigliano. Lo ha ricordato stamattina la presidente di Federfarma, Annarosa Racca, alla presentazione del Social Manifesto per i diritti delle persone con cefalee. Firmato da Sisc (Società italiana per lo studio delle cefalee), Federdolore-Sicd, Federfarma, Lic, aic e Fondazione Al.Ce, il documento mira a ottenere il riconoscimento legislativo della cefalea primaria cronica come malattia sociale e ottenere un sistema di cure più efficiente perché più vicino alle necessità dei pazienti, che in tutto lo Stivale superano i sei milioni. «Chi oggi soffre di cefalea» ha ricordato Giorgio Bono, presidente della Sisc «è in gran parte donna e utilizza troppo spesso i farmaci in modo improprio e protratto, con rischi di abuso o dipendenza». Nel momento in cui la malattia fosse classificata tra le patologie sociali, dunque, si potrebbe offrire «a ogni paziente un percorso di informazione e cura personalizzato e consentire l'accesso agli interventi terapeutici più innovativi, che oggi le Regioni non assicurano tutte allo stesso modo». «E’ fondamentale» ha aggiunto Francesco Maria Avato, responsabile scientifico dell'Alleanza cefalalgici (Al.Ce) «arrivare a un sistema di centri di riferimento che prenda in carico il malato e ne studi il percorso terapeutico, per far sì che possa essere seguito anche sul territorio».
Ed è qui che entrano in gioco le farmacie del territorio: «La rete rappresentata dai 18mila presidi distribuiti in tutto il Paese» ha detto la presidente Racca «offrono un’assistenza differenziata e personalizzata al paziente che è già cefalgico o rischia di diventarlo». Per cominciare, c’è l’informazione sul corretto impiego dei farmaci: «Gli antidolorifici sono tra i farmaci da banco più venduti ed è importante che siano utilizzati in modo appropriato; l’educazione a corretti stili di vita e a una giusta alimentazione, inoltre, può fare molto in chiave prevenzione o miglioramento della qualità della vita». Poi c’è il monitoraggio dell’uso dei farmaci: «La mancata aderenza alla terapia» ha ricordato Racca «è spesso causa di peggioramento delle condizioni di salute dei pazienti, mentre l’eventuale abuso può essere intercettato soltanto con il controllo dei consumi da parte del farmacista». Infine l’informazione e l’orientamento del malato cefalgico: «La farmacia può orientare gli assistiti e indirizzarli ai centri specialistici più vicini, abbreviando così i tempi della presa in carico da parte dello specialista e prevenendo eventuali cronicizzazioni».
Il Social Manifesto rientra tra le iniziative dell'Italian Migraine Project, un programma di comunicazione ed educazione di durata biennale che farà da cappello a eventi e convegni rivolti agli specialisti, ai pazienti e all’opinione pubblica. (AS)

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni