Edicola

Dichiarazione redditi, dalle Entrate circolare su Imu e Irpef

27/03/2013 09:30:14
Attenti alla prossima dichiarazione dei redditi, perché con l’arrivo dell’Imu cambiano i conteggi per l’applicazione dell’Irpef e delle addizionali sul reddito da beni immobili. Lo chiarisce una recente circolare dell’Agenzia delle entrate, nella quale si ricorda quanto stabilisce l’articolo 8, comma 1, del D.lgs 23/2011: l’Imu «sostituisce, per la componente immobiliare, l’imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati».
Il documento delle Entrate, emanato d’intesa con il dipartimento delle Finanze, dettaglia così gli effetti dell’articolo: per esempio, vanno esclusi dall’imponibile Irpef i redditi fondiari derivanti da immobili non locati o non affittati sui quali si paga l’Imu, che in tal modo concretizza la sua funzione di imposta “sostitutiva”. Lo stesso principio va tenuto presente nell’applicazione dell’articolo 11, comma 2-bis, del Tuir: «Se alla formazione del reddito complessivo concorrono soltanto redditi fondiari di cui all’articolo 25, di importo complessivo non superiore a 500 euro, l'imposta non è dovuta». Ne deriva che quando si verifica se la base imponibile Irpef sia sopra o sotto tale limite, vanno esclusi dal computo i redditi da immobili non affittati o non locati (per i quali come detto è dovuta solo l’Imu). Nel 730 o nell’Unico 2013, in ogni caso, il contribuente è tenuto a riportare i dati di tutti i terreni e fabbricati posseduti, compresi quelli i cui redditi sono sostituiti dalla “cedolare secca” e dall’Imu.
La circolare ricorda anche le voci per le quali invece non scatta l’effetto “sostituzione”: il reddito agrario di cui all’articolo 32 del Tuir, i redditi fondiari diversi da quelli cui si applica la “cedolare secca”, i redditi da immobili non produttivi di reddito fondiario, ai sensi dell’articolo 43 del Tuir, e i redditi degli immobili posseduti dai soggetti passivi dell’Ires. Allo stesso modo, l’Irpef continua a essere applicata ai redditi derivanti da terreni dati in affitto per usi non agricoli (in quanto produttivi non di reddito dominicale ma di redditi diversi) e alle indennità di occupazione (considerate anch’esse redditi diversi).
Restano assoggettati all’Irpef anche gli immobili esenti dall’Imu, come nel caso dei terreni agricoli – pure incolti – appartenenti ad aree montane e di collina delimitate ai sensi dell’articolo 15 della legge 984/1977. Fanno però eccezione i fabbricati rurali a uso strumentale – di cui all’articolo 9 comma 3 bis, del dl 557/1993 – ubicati nei comuni montani di cui all’elenco specifico dell’Istat (consultabile all’indirizzo: http://www.istat.it/it/archivio/6789): tali immobili, infatti, rimangono esenti dall’Irpef e non sono soggetti all’Imu. perché su queste fattispecie non si applicano imposte sui redditi.
La circolare, infine, offre delucidazioni anche sul caso di immobili locati soltanto per una parte del periodo d’imposta. Alla luce del citato “principio di sostituzione”, il contribuente dovrà quantificare esattamente il tempo in cui i fabbricati risultavano locati e la parte in cui non lo erano: l’Imu sostituisce l’Irpef e le addizionali dovute nella sola parte del periodo d’imposta in cui l’immobile non è locato, mentre per la restante parte il reddito fondiario derivante dall’immobile locato è soggetto all’Irpef e alle relative addizionali, calcolate con le regole ordinarie.

Notizie correlate

15/02/2017

730 precompilato, nel 2016 da farmacie più di 600 mln di scontrini

Ammontano quasi certamente a più di 600 milioni gli scontrini fiscali emessi nel 2016 dalle farmacie del territorio e inviati all’Agenzia delle Entrate per la prossima dichiarazione precompilata dei redditi. E’ la stima che si ricava da una proiezione dei dati forniti da Promofarma, la società informatica di Federfarma...
10/02/2016

730 precompilato, positivo il bilancio del primo invio

Undici milioni tra scontrini e fatture per il 730 precompilato di quest’anno, il primo a riportare tra le detrazioni le spese sanitarie sostenute dal contribuente. E’ quanto contenuto nei dati trasmessi entro la scadenza di ieri dalle farmacie che hanno delegato...
23/01/2016

730 precompilato, da Federfarma chiarimenti su detraibilità e privacy

Il ticket, sulla ricetta Ssn e sul prezzo di rimborso dell’equivalente (differenza a carico dell’assistito); tutti i farmaci acquistati privatamente, compresi omeopatici e veterinari; i prodotti di protesica integrativa e i dispositivi medici con marcatura CE; infine, le prestazioni di servizio come autoanalisi, esami in telemedicina e così via...
20/01/2016

Spese per farmaci per il 730 precompilato, i chiarimenti di Federfarma

Federfarma ha da subito creduto e condiviso l’obiettivo del Governo di semplificare la vita ai cittadini con la realizzazione del 730 precompilato, che prevede l’invio da parte delle farmacie all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle spese detraibili sostenute per l’acquisto di farmaci e dispositivi medici...
12/12/2015

Dichiarazione precompilata, rinvio di un anno delle sanzioni

Slittano di un anno le sanzioni sull’invio degli scontrini fiscali per il 730 precompilato, anche se limitatamente ai casi di «lieve tardività o di errata trasmissione dei dati». E’ quanto prevede uno degli emendamenti al ddl Stabilità approvati dalla commissione...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni