Edicola

Alluvione Sardegna, quando la solidarietà pecca di eccesso

27/11/2013 23:30:38
Anche la solidarietà va dosata per evitare controproducenti eccessi. Lo dimostra il caso di Torpé, piccolo comune in provincia di Nuoro tra i più colpiti dall’alluvione della settimana scorsa. Dove da giorni stanno arrivando forniture di antinfiammatori, paracetamolo, antidiarroici, cotone, garze, cerotti e altri prodotti di cui in realtà non c’è bisogno. All’origine di tutto l’appello lanciato per lettera dall’Ordine dei medici di Nuoro il 21 novembre - cioè 24 ore dopo l’inondazione - destinataria la Federazione nazionale e gli altri Ordini provinciali dei medici: su richiesta giunta «da volontari della Protezione civile», il presidente nuorese sollecita l’invio a Torpé di farmaci e materiale sanitario.
Il buon cuore non si discute, ma l’appello dell’Ordine decolla senza che prima ci sia stata alcuna concertazione, né con le autorità locali né con i farmacisti del territorio. Che a Torpé come altrove si sono messi all’opera dalle prime ore del dopo-alluvione per soccorrere gli abitanti: la farmacia del paese, in particolare, è rimasta aperta ininterrottamente per diversi giorni e ha dispensato gratuitamente Otc e farmaci di fascia C alle famiglie che per il disastro avevano perso tutto. «A Torpé» spiega Francesco Matacena, presidente di Federfarma Nuoro «l’assistenza farmaceutica non è mai venuta meno, nonostante interruzioni e difficoltà dei collegamenti. E Federfarma provinciale ha già deciso di farsi carico del costo di tutto il materiale che quella farmacia ha distribuito e sta distribuendo gratuitamente a chi ha bisogno».
Risultato, amministrazione comunale e farmacisti hanno saputo dell’appello dell’Ordine dei medici soltanto quando sono arrivati i primi rifornimenti: «A noi il testo è stato trasmesso da Federfarma nazionale» prosegue Matacena «e ieri il sindaco di Torpé ci ha detto di non sapere che fare del materiale ricevuto. Ormai l’emergenza è quasi finita, non dovrebbero esserci altri invii quindi inutile aprire polemiche, anche perché non mettiamo in dubbio le buone intenzioni con cui i medici hanno agito. Però sarebbe stato meglio coordinarsi e soprattutto, prima di lanciare appelli, chiedere alle farmacie». (AS)

Notizie correlate

14/10/2014

Alluvione: danni alle farmacie genovesi, paura nell’alessandrino

Una decina di farmacie invase dal fango ma danneggiate in modo non grave - tanto da aver già riaperto o essere pronte a farlo dalle prossime ore - e altre cinque gravemente colpite, cioè completamente inondate o devastate, con danni ingenti e un grande...
16/01/2014

Nuoro, dalle farmacie donazione per le famiglie alluvionate

Federfarma ha mantenuto la promessa a Torpé, il piccolo comune del nuorese devastato il 18 novembre dall’alluvione che ha colpito la Sardegna. Poco prima di Natale, infatti, l’associazione titolari della provincia ha consegnato all’amministrazione municipale...
19/11/2013

Alluvione Sardegna: farmacie al lavoro, problemi rifornimenti

Danni limitati alle farmacie dall’alluvione che ieri sera ha colpito la Sardegna arrecando lutti e devastazioni. Preoccupano invece i rifornimenti di medicinali, a causa delle interruzioni alla rete stradale che hanno isolato intere zone, soprattutto nel nuorese...
31/10/2011

Cinque Terre e Lunigiana: farmacie duramente colpite dall'alluvione

È pesante il bilancio dell'alluvione che ha colpito nei giorni scorsi le province di La Spezia e Massa Carrara. In Liguria, una farmacia è stata completamente distrutta a Vernazza, una è parzialmente crollata a Borghetto Vara; a Pignone la farmacia è inagibile...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni