Edicola

Ricetta digitale, accelerazione su validità nazionale

28/03/2014 10:19:23
Accelerazione improvvisa per il decreto che consente alla ricetta digitale di valicare liberamente i confini regionali. Una bozza del provvedimento è arrivato l’altro ieri sul tavolo dei governatori, in vista della necessaria intesa tra Stato e Regioni. Nessuna sorpresa nei contenuti, che rispettano quanto previsto dal decreto Sviluppo (179/2012, convertito nella legge 221/2012) e confermano le ampie anticipazioni raccolte da Federfarma a gennaio: la ricetta digitale potrà essere erogata in qualsiasi farmacia del territorio nazionale (a differenza di quella cartacea che invece resta valida in ambito regionale). All’atto della spedizione il farmacista applica il ticket in vigore nella propria Regione e le esenzioni-paziente eventualmente riportate dal prescrittore; la farmacia chiede il rimborso della ricetta alla propria Asl;  a sua volta, la Regione richiederà la compensazione interregionale. La compensazione avviene sulla  base del prezzo al pubblico, al netto dello sconto di legge e dell’eventuale ticket, che resta nella contabilità dell’amministrazione nel cui territorio è stata spedita la ricetta. Restano invece nella disponibilità della Regione in cui ha sede la farmacia che ha erogato il farmaco le eventuali quote a carico dell’assistito riscosse in base alle regole locali.
Le spine invece arrivano dai tempi, perché il decreto presuppone che le Regioni siano passate tutte alla prescrizione on line, mentre in realtà la maggior parte è ancora in sperimentazione e qualcuna risulta solo alle “prime armi”. Inoltre bisogna fare chiarezza sulle diverse codifiche degli stati di esenzione: dove non è impossibile uniformare, almeno rendere agevole una traduzione dei diversi codici e delle regole regionali.  Infatti, ogni amministrazione ha introdotto nel tempo sigle proprie che non hanno corrispondenza al di là dei suoi confini; c’è quindi il fortissimo rischio che il codice apposto dal medico sulla ricetta digitale risulti incomprensibile alle farmacie delle altre Regioni, con effetti immaginabili.
Federfarma fornirà come di consueto ogni suggerimento utile a chiarire le condizioni operative indispensabili per poter garantire l’assistenza nel migliore dei modi, ma si è certi che saranno le stesse Regioni a preoccuparsi per non provocare disagi ai cittadini.
Intanto prosegue il lavoro di Sogei sulla piattaforma Sac (Sistema di accoglienza centrale) per risolvere le criticità segnalate in questi mesi dalle farmacie delle (poche) Regioni in cui la ricetta digitale è già piena realtà: è operativo il filtro che impedisce la prescrizione on line dei farmaci in dpc (almeno laddove le amministrazioni hanno fatto avere a Sogei l’elenco dei prodotti interessati) ed è stata estesa la fascia oraria in cui è disponibile il report delle ricette trasmesse; tecnici ancora al lavoro, invece, sui filtri che inibiscono la prescrizione web delle ricette limitative e sui permessi che consentono alle farmacie la sostituzione del farmaco prescritto (AS).

Notizie correlate

19/01/2018

Ricette, quasi l’85% è dematerializzato. La Campania la regione più virtuosa

Si attesta intorno all’85% (83,99) la percentuale di ricette dematerializzate in uso nel nostro Paese secondo i dati di Promofarma aggiornati a Novembre  2017. Una vera rivoluzione, risultato finale di un progetto avviato con l’approvazione dell’art. 50 della legge 326/2003 che ha introdotto la ricetta (cartacea) standardizzata, la tessera sanitaria (TS) e l’obbligo di invio dei dati di tutte le ricette...
11/03/2017

Atto d’indirizzo, ecco il testo della terza stesura

Per le Regioni l’eliminazione del promemoria dovrà entrare tra gli obiettivi della dematerializzazione disegnata dalla nuova convenzione tra farmacie e Ssn. E in materia di dpc e integrativa, sparisce l’idea di arrivare a una «tariffa unica massima»...
19/01/2017

Ricetta digitale: varcata la soglia dell’80%, quattro regioni al 90%

Su quasi 48 milioni di ricette del Ssn prescritte in un mese, quelle che fanno a meno della carta superano ormai l’80%. E salgono a quattro le Regioni dove il “paperless” ha superato il traguardo del 90%, fissato a suo tempo dall’Agenda per l’Italia digitale...
16/11/2016

Il 78% delle ricette è elettronico, Campania, Molise e Veneto al top

Continua a crescere la diffusione della ricetta dematerializzata, che supera ormai il 78%  del totale delle ricette a livello nazionale con picchi in Campania (90,15%), Molise (89,23%) e Veneto (89,12). “Le farmacie del territorio hanno creduto fin dall’inizio alla dematerializzazione delle ricette dedicando...
15/11/2016

Ricetta digitale, è la Campania la prima a valicare la soglia del 90%

E’ la Campania la prima regione italiana ad aver dematerializzato il 90% delle ricette Ssn, centrando l’obiettivo che l’Agenda digitale per l’Italia – il cronoprogramma di interventi lanciato dal governo nel 2012 - aveva posto per la fine di quest’anno...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni