Edicola

Le farmacie accettano la sfida del “Governo della domanda”

28/07/2017 00:05:03
Le farmacie private di Bergamo e provincia accettano la sfida e saltano sul treno del “Governo della domanda”, il nuovo modello di gestione delle cronicità varato dalla Lombardia nell’ambito della riforma della Sanità regionale. Anzi, per essere precisi di treni ne prendono più d’uno perché i presidi dalla croce verde, attraverso Federfarma Bergamo e la sua società di servizi, Far-Pro srl, si assicurano un posto nel doppio ruolo di gestori ed erogatori in diverse delle “cordate” nate sul territorio per cogliere le opportunità offerte dal nuovo modello.

L’intesa senz’altro più importante arriva dall’accordo di rete con la Fondazione Sant’Andrea di Clusone, che nei giorni scorsi ha presentato ufficialmente la propria candidatura a “gestore” dei pazienti cronici (quasi 50mila nel territorio di riferimento) quale capofila di una cordata che raccoglie più di una quarantina di soggetti tra laboratori specialistici, residenze sanitarie e case di cura, cooperative della medicina generale e, appunto, le 281 farmacie di Federfarma Bergamo. «Il progetto per noi ha forte valenza» commenta soddisfatto di Gianni Petrosillo, presidente di Federfarma Bergamo «perché rappresenta il riconoscimento delle potenzialità professionali e gestionali della farmacia». In qualità di gestore, infatti, la Fondazione in rete con gli altri partner dovrà sottoscrivere con i pazienti i piani di assistenza individuale e programmare esami, interventi e terapie, destinando di volta in volta i pazienti ai singoli erogatori della rete.

Ma Federfarma Bergamo, sempre tramite il braccio operativo Far-Pro, si è proposta e si presenterà anche come partner di altre cordate che fanno capo alle tre ASST bergamasche e ad altri Gestori. In questi casi il ruolo sarà di affiancamento nella presa in carico dei cronici nell’ambito del “Governo della domanda”. «In sostanza» riprende Petrosillo «assicureremo il monitoraggio dell’aderenza terapeutica e il coretto uso di presidi e ausili, recapiteremo i farmaci nell’ambito dell’assistenza domiciliare e vigileremo sulle terapie, faremo da raccordo tra paziente e partner di rete, agevoleremo gli accessi, forniremo le prestazioni di nostra competenza e naturalmente svolgeremo le attività della farmacia dei servizi, come sancito dalla normativa regionale».

I gestori hanno tempo fino al 31 luglio per presentare le proprie candidature. Toccherà alle Ats lombarde, ossia le vecchie Asl, valutarle e accoglierle (o respingerle). Una volta completato, l’elenco dei gestori accreditati verrà inviato ai pazienti cronici (circa 3,3 milioni) perché scelgano il gestore con cui concordare il proprio piano di assistenza e affidare il proprio percorso di cura e assistenza. Partenza dal nuovo anno. (AS)

Notizie correlate

29/01/2018

Cronicità in Lombardia: si entra nella fase calda e i farmacisti scendono in campo

È entrata nella fase più delicata la riforma della gestione della cronicità in Lombardia. In questi giorni sono, infatti, partite le lettere che invitano i pazienti a scegliersi...
16/01/2018

Lo psicologo in farmacia, ecco il modello vincente

“Psicologia in farmacia. Un nuovo modello di aiuto” è il titolo del convegno di ieri in Senato, organizzato dal Consiglio Nazionale Ordine Psicologi e patrocinato dalla Federazione Ordini Farmacisti Italiani. Obiettivo dei lavori, quello di definire le procedure...
16/10/2017

Rete di protezione, l’obiettivo è recuperare valore ed efficienza

Recupero di efficienza e incremento del valore. Sono i due cardini del progetto con cui Federfarma e Federfarma Servizi intendono costruire attorno alle farmacie dei farmacisti una “rete di protezione” che le renda competitive nella sfida con il capitale. L’anticipazione è stata fornita nella giornata clou della IV Convention Federfarma.co – Federfarma Servizi...
06/09/2017

Rete, passa alla fase 2 il progetto Federfarma-Federfarma Servizi

Passa alla fase due il progetto congiunto lanciato da Federfarma e Federfarma Servizi per costruire la “rete delle reti”, la meta-aggregazione delle farmacie indipendenti che vogliono competere alla pari con il capitale. E’ l’esito dell’incontro che ieri ha aggiornato il cantiere dei lavori, aperto ufficialmente il 12 luglio scorso...
22/07/2017

Federanziani, nel 44% dei politrattati aderenza terapeutica a rischio

L'assunzione di troppe pillole mette a serio rischio l'efficacia delle cure e la salute degli anziani. Il motivo? L'insufficiente aderenza alla terapia. E' quanto emerge da una ricerca del Centro studi di economia sanitaria di Senior Italia Federanziani, condotto su 1.427 “over 65” con ipertensione arteriosa. Il 71% è sottoposto a due programmi terapeutici per il trattamento della pressione...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni