Edicola

Remunerazione, le “spine” nascoste del decreto

29/01/2013 10:02:04
Oltre a quelle che già si vedevano a occhio nudo, ci sono pure spine nascoste nel decreto inviato dalla Salute alle Regioni con lo schema per la nuova remunerazione di farmacie e distributori. Cifre e percentuali sono quelle già anticipate alla filiera il 10 gennaio, ma l’analisi “formale” del testo con cui il Ministero accompagna la proposta rivela ambiguità e omissioni che rendono il boccone ancora più indigesto. E’ un pasto che Federfarma non intende neanche assaggiare: in attesa che Balduzzi convochi la filiera per ascoltare le sue ragioni (peraltro già esposte negli ultimi giorni con comunicati e incontri a vari livelli) il sindacato si prepara a inviare a Governo e Regioni una diffida formale perché non si proceda nell’iter di approvazione dello schema, previsto dalla normativa in caso di mancato accordo (che invece c’è stato).
Quanto alle spine “nascoste” del decreto, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Sui generici, per esempio: da come è scritto il decreto, sembra che lo schema Balduzzi sottragga l’extramargine dell’8% sui generici a grossisti e farmacie per consegnarlo alle casse del Ssn (rimarrebbe nella filiera solo in caso di acquisto a carico dell’assistito). Nessuna ambiguità invece sull’applicazione della quota percentuale (il 17 o il 10%, a seconda della fascia): se il medicinale è un equivalente inserito nelle liste di riferimento, tale percentuale non si applica sul prezzo al pubblico ma sul prezzo di riferimento, tanto per la farmacia quanto per il grossista.
Perplessità anche in tema di pay-back: il decreto, infatti, indica con precisione la percentuale di sforamento da mettere a carico dei produttori in caso di deficit della spesa territoriale (il 66,65%, ovvero il 58, 65%), ma per la parte restante parla di suddivisione tra farmacie e grossisti «in modo proporzionale agli introiti» anziché alle quote di spettanza, come prevede la legge. Stessa ambiguità quando si riassumono le modalità con cui le Asl saldano le farmacie: il testo parla di prezzo ex factory incrementato dalle diverse quote riconosciute alle due categorie, ma non è chiaro che accade in caso di medicinali di fascia c erogati in regime di Ssn (a soggetti che ne hanno diritto). E poi la ciliegina sulla torta: nel paragrafo relativo alle agevolazioni per le piccole farmacie si prende a parametro un fatturato pari a 258.228,45 euiro, ma è del tutto assente l’indicazione che debba trattarsi di solo fatturato Ssn, da cui il rischio che la platea delle farmacie effettivamente “agevolate” sia ancora più piccolo di quanto si pensasse.

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni