Edicola

Liberalizzazioni, Gianfrate: più problemi che vantaggi

29/01/2015 02:26:23
Liberalizzare ulteriormente la distribuzione del farmaco? Regala più problemi che vantaggi. Così almeno la pensa Fabrizio Gianfrate, docente di Economia sanitaria all’Università degli studi di Ferrara, che in un articolo pubblicato ieri da Quotidiano Sanità ribatte alle “azzardate” proposte di deregulation su quorum e fascia C lanciate nei giorni scorsi dall’economista del Cerm Nicola Salerno. Per Gianfrate, in particolare, il dibattito sulle liberalizzazioni dovrebbe ruotare soltanto sui benefici che eventuali interventi al sistema porterebbero alla collettività: accesso al farmaco, qualità del servizio, concorrenzialità dei prezzi, sviluppo e occupazione. Senza dimenticare che già oggi la metà circa del mercato della farmacia (Otc ed extrafarmaco, che valgono circa 13 miliardi su 26) è liberalizzata e contesa da altri canali.
«Come la dottrina economica insegna» scrive dunque Gianfrate «l’aumento dei punti vendita e della concorrenza dovrebbero avere effetti benefici sul livello qualitativo del servizio e sui prezzi». Ma nel caso del farmaco c’è di che dubitare. Innanzitutto, spiega il docente, perché la domanda di medicinali è anelastica, quindi se si aumentasse il numero dei punti vendita il mercato non farebbe altro che ridistribuirsi su un numero maggiore di operatori, da cui minori incassi unitari medi, «già ridotti dall’andamento del mercato stesso, deflativo nei ricavi ma inflativo nei costi».
Anche sui prezzi un’accresciuta concorrenza darebbe benefici ridotti. Si veda, è l’invito di Gianfrate, l’esperienza degli Otc: le lenzuolate di Bersani hanno ridotto mediamente i listini del 12%-15%, poi però il trend si è arrestato. Perché? Esiste un limite sotto al quale non si può scendere, è la spiegazione dell’economista, «dettato dal livello dei prezzi ex factory dei produttori e dall’assenza di soggetti intermedi economicamente forti come i gruppi d’acquisto del largo consumo, capaci di negoziare grandi volumi e quindi prezzi fortemente ribassati». Tradotto, la filiera è squilibrata e i segmenti della distribuzione non hanno il peso che in altri canali consente al retail di negoziare i prezzi con la produzione.
Eventuali liberalizzazioni della fascia C e della Pianta organica, è dunque la conclusione di Gianfrate, non assicurerebbero benefici al consumatore italiano (in termini di prezzi e concorrenza) e in più lo priverebbero di un servizio capillare e di qualità. Molte farmacie, già da diversi anni in sofferenza, sarebbero infatti obbligate «a rivedere ancora al ribasso il proprio conto economico», ridurre i costi - collaboratori in primis – e tagliare gli investimenti. Le farmacie più deboli, infine, «sarebbero costrette a chiudere, col rischio di penalizzare anche l’erogazione dei farmaci del Ssn, in antitesi al principio su cui si fonda la Pianta organica, sorta a garanzia del profilo economico della farmacia affinché assicuri la propria funzione “sanitaria” nel modo adeguato». Proprio quello che avevano detto Corte di giustizia europea e Corte costituzionale. (AS)

Notizie correlate

14/06/2017

Ddl concorrenza, 400 emendamenti. I relatori: l'esame sarà veloce

Sono circa 400 gli emendamenti al ddl concorrenza presentati alle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera entro la scadenza di ieri. E’ quanto riferisce un lancio dell’Ansa diffuso in serata, nell’attesa che le proposte di modifica vengano fascicolate e distribuite (prevedibilmente nella giornata di oggi) ai componenti delle due commissioni. Difficile comunque...
13/05/2016

Governance, Gianfrate: proposte Regioni? Non toccano nodi spesa

Le proposte delle Regioni in materia di governance del farmaco? Sostanzialmente inutili, perché non incidono in alcun modo sul sistema e sui nodi strutturali. E’ la valutazione di Fabrizio Gianfrate, docente di economia sanitaria e farmaceutica...
28/04/2016

Emiliano: vocazione farmacia garanzia di libertà

Due settimane fa, a Ballarò, aveva replicato al giornalista americano Alan Friedman e ai suoi inviti alla liberalizzazione totale delle farmacie ricordando che i presidi dalla croce verde offrono servizi di prossimità molto utili ai cittadini. Michele Emiliano...
05/08/2015

Fascia C, Federfarma rettifica Alesina e Giavazzi

Cari professori Alesina e Giavazzi, i farmaci di fascia C che vorreste fuori dalle farmacie non sono medicinali «per patologie di lieve entità» ma specialità con obbligo di ricetta che comprendono stupefacenti, anabolizzanti, ormoni e antitumorali...
30/04/2015

Svezia al dietrofront: paracetamolo ritirato dai supermercati

Mentre in Italia c’è chi continua a premere per far uscire dalla farmacia anche i medicinali con obbligo di ricetta, in Svezia dal primo marzo il paracetamolo è tornato alla dispensazione esclusiva in farmacia. Non per le pressioni di qualche fantomatica lobby...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni