Edicola

Farmaci on line, da Fakeshare altre indicazioni sul “go” da luglio

29/04/2015 00:39:20
In vista del via, da luglio, alla vendita on line di Sop e Otc anche nel nostro Paese, sarebbe opportuno che le istituzioni lanciassero per tempo una campagna di comunicazione per informare e preparare gli italiani. E’ l’auspicio lanciato dal presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, nel suo intervento alla Conferenza internazionale Fakeshare, organizzata sabato a Roma dall’Aifa. L’obiettivo dell’evento era quello di passare in rassegna le esperienze maturate a livello internazionale nel contrasto alla contraffazione dei medicinali e al contrabbando via internet, ma qualche relatore ha ricordato che tra un paio di mesi anche l’Italia aprirà all’e-commerce del farmaco, etici esclusi. «Si parte da luglio ma nei fatti dovranno essere farmacie ed esercizi autorizzati a chiedere il permesso alla Regione» ha spiegato Giampiero Camera, del ministero della Salute «e il sito del rivenditore non potrà essere disgiunto dal sito logistico».

In altri termini, gli acquisti (di Sop e Otc) che la farmacia raccoglierà dal proprio sito di e-commerce dovranno essere spediti dalla farmacia stessa, e non (per esempio) dal magazzino del grossista, del gruppo di acquisto o della catena. Inoltre, dal web potranno essere proposti sconti e promozioni, ma sui farmaci (ancorché senza ricetta) rimangono i divieti al 3x2 e alle fidelity card che già valgono per i negozi reali. Potranno vigilare sul rispetto delle norme anche le Camere di commercio, ha detto ancora il funzionario del Ministero, e il logo che per legge dovrà identificare i siti autorizzati farà da “cavallo di troia” per eventuali interventi: «Il bollino è un brand registrato a livello europeo» ha ricordato Camera «un sito che ne fa uso ma non rispetta le norme di dettaglio viola il trademark e quindi può essere costretto a mettersi in regola».

La richiesta di Scaccabarozzi di una campagna informativa che prepari per tempo i cittadini alla novità dell’e-commerce nasce anche dalle evidenze emerse nel corso della conferenza. Prima tra tutte, l’inconsapevolezza del consumatore medio, non solo italiano, sui rischi dell’online: «Il pubblico non sa cosa compra e se lo sapesse non lo farebbe» ha detto senza mezzi termini Patrick Holland, della Food and drug administration americana «l’80% dei siti che vendono farmaci viola le norme statunitensi». Lynda Scammell, della Mhra (l’equivalente britannico dell’Aifa) ha ricordato il recente caso di una donna inglese defunta per aver acquistato un sonnifero on line, ma – ha anche rammentato – oggi Facebook conta più di un miliardo di utenti, su Twitter girano ogni 48 ore mille milioni di messaggi e su Youtube vengono caricati ogni ora video per un totale di più di 24 ore di girato. La gente, in altri termini, si ritrova su internet sempre più spesso e quindi il problema non è tenerla lontana dalla rete, ma dalle minacce della rete.

E gli Stati? Come hanno spiegato il direttore generale dell’Aifa, Luca Pani, e Domenico Di Giorgio, direttore dell'ufficio Qualità dei prodotti e contraffazione della stessa Agenzia, l’unica vera arma è quella della collaborazione costante e progressiva. Internet se ne infischia di confini e giurisdizioni, alle autorità sanitarie nazionali non resta che tenersi reciprocamente informate su indagini, sequestri, oscuramenti di siti e quant’altro per muoversi all’unisono e fare fronte comune. In tal senso, come ha spiegato Di Giorgio, una risorsa importante può arrivare dalla piattaforma Fakeshare, una banca dati internazionale dove agenzie e uffici possono caricare o consultare rapporti, informative e dossier su indagini e sequestri riguardanti il contrabbando e la contraffazione internazionale di farmaci. «Il sistema permetterà accessi differenziati in base al livello dell’operatore accreditato» ha spiegato Di Giorgio «ma l’obiettivo resta quello di accrescere l’informazione e il coordinamento tra i Paesi». (AS)

Notizie correlate

15/06/2018

Farmaci veterinari: meno vendite online, più lotta alla resistenza antimicrobica

Federfarma esprime soddisfazione per la scelta finale dell’Unione Europea - convintamente supportata fin dal primo momento dal nostro Ministero della Salute - che non consentirà la vendita indiscriminata di tutti i farmaci veterinari tramite il canale online...
10/04/2017

Ministero Salute oscura sito web per vendita illegale di farmaci. Apprezzamento di Federfarma

Federfarma esprime forte apprezzamento per il Ministero della Salute che, con un provvedimento d’urgenza, ha inibito l’accesso,  da parte degli utenti sul territorio italiano, ad un sito internet con dominio tedesco, sul quale si potevano comprare farmaci che in Italia sono sottoposti a obbligo di ricetta medica...
07/03/2017

Farmacie online e siti medici, il web alletta ma i rischi restano alti

Rappresentano la nuova frontiera europea dell’e-commerce farmaceutico, l’ultimo grido in fatto di “customer service” quando il customer (cioè il cliente) è un manager indaffarato che non ha tempo di fare file o un assistito di compagnia sanitaria che viene rimborsato a piè di lista, dopo aver inviato ricetta e scontrino
14/02/2017

Germania, i parkinsoniani: farmacie reali meglio dell’online

Farmacie online? No grazie, meglio quelle di calce e mattoni, vicine a casa e fornite di un farmacista che può sempre fornire un consiglio o personalizzare cure e assistenza. Capita a volte di sentirlo dire da qualche paziente, e naturalmente fa piacere...
20/01/2017

Farmaci online e falsificati, collaborazione tra Aifa e Antitrust

Contrabbando di medicinali, e-commerce clandestino, falsificazioni. Mira innanzitutto a contrastare le illegalità che ruotano attorno al farmaco la collaborazione tra Aifa e Antitrust sancita dal protocollo firmato ieri a Roma da Mario Melazzini...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni