Edicola

Patto salute, frattura tra le Regioni sui costi standard

30/10/2013 23:36:41
E’ frattura tra Nord e Sud sui tempi di applicazione dei costi standard, il sistema di benchmarking della spesa sanitaria che il ministro Lorenzin vorrebbe inserire nel nuovo Patto della Salute. Il tema era all’ordine del giorno della Conferenza delle Regioni, indetta per oggi proprio con l’obiettivo dare un’accelerata al confronto tra governatori e Ministero sul Patto. Alla fine della seduta però la manetta del gas è rimasta chiusa, perché tra le Regioni non si è trovata la quadra. Tranne che sulle questioni di principio: tutti d’accordo a sostenere che la spesa sanitaria non è ulteriormente comprimibile e che i costi standard vanno applicati, ma sul quando e il come la squadra dei governatori si è divisa. Per Piemonte e Veneto, il benchmarking va applicato già da quest’anno, senza ulteriori proroghe. «Altrimenti» ha commentato all’uscita il presidente piemontese, Roberto Cota «si corre il rischio che lo faccia qualcuno per noi, cioè il governo». «Se non saranno attivati i costi standard» ha aggiunto il veneto Luca Zaia «noi abbandoniamo il tavolo. Applicarli già oggi comporterebbe circa 30 miliardi di euro di risparmi. Capisco che ci siano Regioni in condizioni drammatiche, mi auguro vengano considerati i dati oggettivi e non quelli formali, ma siamo arrivati ai supplementari». Dall’altra parte del tavolo, le amministrazioni del Sud. «Abbiamo proposto di applicare i costi standard dal 2014» ha spiegato l'assessore alla Sanità della Puglia, Elena Gentile «perché siamo a novembre con i 10/12 del bilancio già speso. Poi c'è la necessità di valutare le situazioni: quanta popolazione, quanti anziani, quanti diabetici. La decisione è stata rimandata alla prossima settimana . Bisogna trovare un equilibrio». Della stessa idea la vicepresidente della Calabria, Antonella Stasi, secondo la quale i costi standard vanno applicati «con una metodologia che consenta a tutte le Regioni di partire da uno stesso piano, in particolare quelle commissariate in sanità». Inoltre nel riparto del Fondo sanitario nazionale si dovrebbe tenere conto «della deprivazione, ovvero delle condizioni socio-economiche del territorio».«Tutti d'accordo sull’applicazione dei costi standard» ha però assicura il presidente del Molise, Paolo Frattura, che oggi ha presieduto la Conferenza al posto di Vasco Errani «partiremo dal 2014 con una proposta delle Regioni al Ministero. Per quanto riguarda il 2013, ci confronteremo ancora per arrivare entro la settimana a una seconda proposta». Senza la quale non potrà scattare il riparto del Fondo sanitario nazionale per l’anno in corso, con effetti pesantissimi sulla capacità di spesa di diverse amministrazioni.
I governatori, in ogni caso, chiederanno un incontro al ministero della Sanità per conoscere la reale portata del Fondo, sul quale, ha detto ancora la Gentile «per ora lavoriamo al buio». (AS)

Notizie correlate

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
18/09/2015

Conferenza Regioni, all’Emilia Romagna la commissione Salute

Previsioni rispettate: va all’Emilia Romagna il coordinamento della commissione Salute della Conferenza delle Regioni, il “tavolo” degli assessori alla Sanità guidato fino a luglio dal veneto Luca Coletto. A deciderlo la seduta di ieri della Conferenza...
21/10/2014

Lorenzin: il Fondo sanitario non si tocca, Regioni evitino “do ut des”

«Se le Regioni fanno saltare il Patto per la salute se ne assumeranno le responsabilità». E in ogni caso, i governatori «non possono toccare il Fondo sanitario. Servirebbe una legge dello Stato». E’ dura la replica del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alle preoccupazioni avanzate dalle Regioni sugli effetti dei tagli per 4 miliardi promessi dalla Legge di stabilità...
06/08/2014

Patto per la Salute. Lorenzin: "Nuova rotta per SSN"

Il Patto per la salute delinea una nuova rotta per il Servizio sanitario nazionale nel segno della qualità, dando, dopo anni di tagli lineari, certezze sul fronte del budget di spesa e la possibilità di avviare una programmazione triennale. Obiettivo è rendere...
11/07/2014

Patto, finale animato ma l’intesa c’è: farmacia dei servizi confermata

Altro che pura formalità. La firma di Governo e Regioni sul nuovo Patto della Salute alla fine è arrivata ma non è stato quel mero automatismo che avrebbe dovuto essere. Perché ieri governatori e Ministri sono tornati improvvisamente a duellare come se l’orologio...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni