Edicola

Contraccezione d’emergenza, interrogazione al Senato

31/03/2017 00:27:14
Negli ultimi due anni i consumi di EllaOne, la cosiddetta “pillola dei 5 giorni dopo”, sono cresciuti in modo certamente importante. Ma i dati di mercato non lasciano intravedere “deragliamenti” della contraccezione d’emergenza, ai quali magari porre rimedio con il ripristino dell’obbligo prescrittivo. E’ la precisazione che arriva da Federfarma dopo l’interrogazione presentata ieri al ministero della Salute dal senatore di Ap-Cpe Giuseppe Marinello: «I dati sull'utilizzo della pillola dei 5 giorni dopo raccolti recentemente da Federfarma» scrive il rappresentante di Area popolare «destano scalpore per le dimensioni assunte dal fenomeno: le vendite nel 2016 sono cresciute del 96% in 10 mesi e rispetto al 2014 sono aumentate di 15 volte». Di qui, dunque, l’interrogazione al Ministero per chiedere se «non ritenga opportuno attivare un'istruttoria conoscitiva sul fenomeno e adottare tutti i provvedimenti necessari per limitare l'abuso del farmaco», così come «subordinare l'assunzione del medicinale, dopo un certo numero di utilizzi all'anno, al possesso della prescrizione medica e se non sia opportuno avviare campagne d'informazione sul tema».

«Sulla “pillola” c’è sicuramente bisogno di fare più educazione, soprattutto tra le giovani» è il commento della presidente di Federfarma, Annarosa Racca. Se però l’analisi si allarga da un solo farmaco alla totalità del mercato della contraccezione d’emergenza – che comprende non solo EllaOne ma anche Norlevo, la cosiddetta “pillola del giorno dopo” – la crescita dei consumi appare meno vertiginosa. Si vedano le rilevazioni della società di ricerche QuintilesIms: nel 2015 sono state vendute quasi 403mila “pillole”, del giorno dopo o dei 5 giorni dopo; nel 2016 poco più di 500mila, per un incremento dunque che sfiora il 24%. E’ vero, EllaOne ha mostrato nel biennio una vera e propria impennata della domanda (+63,4%, vedi grafico), ma si è trattato in buona parte di un’erosione di quote di mercato ai danni di Norlevo, che nello stesso periodo è rimasta quasi stabile nelle vendite (+1,7%).

Non solo: superato il boom di richieste innescato dalla riclassificazione a farmaco senza obbligo di prescrizione (maggio 2015), EllaOne ha subito il “ritorno” del prodotto concorrente, che dall’aprile 2016 è di nuovo avanti nelle vendite (vedi grafico). «Sui due anni c’è un evidente aumento dei consumi totali che chiama le istituzioni a interventi educativi sulla contraccezione d’emergenza» conclude la presidente Racca «ma ricordo che le due “pillole” sono state riclassificate a Sop soltanto per le maggiorenni. E se non c’è più il medico a prescrivere, rimane pur sempre il farmacista a dispensare e quindi a consigliare. Dunque le consumatrici non sono state lasciate a loro stesse». (AS)

Notizie correlate

22/12/2016

Pillola del giorno dopo: la legge obbliga il farmacista a dispensare

Fa discutere la sentenza del Tribunale di Gorizia che, il 15 dicembre scorso, ha assolto una farmacista dall’accusa di omissione o rifiuto di atti d'ufficio perché aveva negato la “pillola del giorno dopo” a una cliente per obiezione di coscienza...
15/12/2015

Pillola dei 5 giorni dopo: Federfarma ricorda obblighi farmacie

Suscitano il plauso della Sic, la Società italiana della contraccezione, le dichiarazioni rese sabato a la Repubblica dalla presidente di Federfarma, Annarosa Racca, sulla dispensazione della pillola dei cinque giorni dopo: «Siamo lieti dell’intervento»...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni