Edicola

Comunali, le vendite mettono in crisi l'interventismo pubblico

31/08/2013 00:18:42
Non si arresta l’onda lunga dei comuni che cercano acquirenti per le proprie farmacie. Anzi, il fenomeno ha ormai invaso con prepotenza alcune di quelle terre che storicamente rappresentano il “cuore” dell’interventismo municipale in campo farmaceutico: è il caso della Toscana dove, soltanto per citare i casi più recenti, hanno appeso il cartello “in vendita” le amministrazioni di Grosseto, Livorno e Cecina. Ma anche nel resto d’Italia è un florilegio di aste e dismissioni: soltanto tra i casi più recenti si possono citare Schio in provincia di Vicenza (dove si sono dovute indire più gare, per mancanza di acquirenti) e  Montebelluna in provincia di Treviso (cessione a un privato conclusa invece in breve, con un rilancio di 200mila euro sulla base d’asta), Latina nel Lazio, Desio in Brianza (dove il comune vuole cedere la quota restante della società che gestisce i tre presidi municipali), San Giovanni Lupatoto (provincia di Verona), San Giovanni Teatino (Chieti) e Ceriale, in provincia di Savona.
Nonostante tutto, però, i casi che più attirano rimangono quelli dei tre comuni toscani. Contribuisce in tal senso anche una recente delibera della Regione, datata 22 luglio, che metteva in pista le procedure previste dal decreto “Cresci-Italia” per consentire ai comuni di aprire farmacie soprannumerarie nelle stazioni ad alta percorrenza, nei grandi centri commerciali e via di seguito. In sintesi, mentre i sindaci cercano di vendere la Regione chiede loro se c’è chi vuole aprire. Fuori luogo ma non solo: se qualcuno rispondesse positivamente potrebbe uscirne un danno per i comuni che dismettono, perché con ogni probabilità diminuirebbe il valore delle farmacie in vendita. E non aiuterebbe, perché già ora le amministrazioni municipali non sempre riescono a trovare subito acquirenti. Questo, per esempio, è il motivo per cui a Grosseto le farmacie private non sembrano per ora preoccuparsi molto dei progetti del comune: «In tutto le farmacie sono sette» spiega il presidente di Federfarma provinciale, Goffredo Bartolozzi Bernardini «una di queste è sempre stata tenuta separata dalla società che gestisce i presidi e quindi verrà venduta a parte, a un prezzo d’avvio che pare decisamente fuori mercato. Per le altre il comune venderà la sua quota di partecipazione societaria, pari al 51%. Il resto appartiene a Codifarma ma anche loro vorrebbero uscire. Risultato, al momento non mi sembra di vedere sul mercato soggetti realmente interessati a un’operazione di questa portata». Il caso di Cecina, invece, è ancora più emblematico: qui, infatti, il comune è costretto a vendere le sue farmacie dalla legge 78/2010, che impone ai comuni sotto i 30mila abitanti che chiudono i bilanci in rosso per tre anni consecutivi di dismettere tutte le partecipate. L’asta è prevista per il 10 ottobre, base 2,6 milioni per due presidi e dieci dipendenti. (AS)

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni