Edicola

Manovra senza risorse per i rinnovi di contratti e convenzioni

31/10/2017 09:25:00
Clima sempre più caldo attorno alla Manovra per il 2018, che oggi a Palazzo Madama dovrebbe cominciare l’iter parlamentare. Il testo uscito dal Consiglio dei Ministri (con la formula «salvo intese», che lascia aperta la porta a ritocchi dell’ultimo minuto) prevede per la Sanità un elenco di misure ridotto all’osso, tra le quali soltanto due degne di menzione: la regolarizzazione dei ripiani a carico delle aziende farmaceutiche sugli sfondamenti 2013-2016 (con le regole per il payback dell’ultimo anno e il superamento dei contenziosi relativi ai precedenti) e il monitoraggio degli effetti esercitati sulla spesa sanitaria dai farmaci innovativi (oncologici e non), per verificare congruità e meccanismi dei due fondi istituiti dal Ministero allo scopo di assicurarne la rimborsabilità.

Mancano del tutto, invece, riferimenti a risorse aggiuntive per i rinnovi di contratti e convenzioni, i cui eventuali aumenti - dunque - dovrebbero essere finanziati dalle Regioni con quanto già c’è nel Fondo sanitario nazionale. Il tema era già stato al centro, venerdì, di un botta e risposta tra il presidente del Comitato di settore Sanità delle Regioni, Massimo Garavaglia, e il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, con l’assessore al Bilancio della Lombardia a sostenere che sul piatto mancano 1,3 miliardi e il Ministro a ricordare che le Regioni avrebbero dovuto accantonare le risorse per i contratti con adeguato anticipo.

Ieri, invece, sono scesi in campo i sindacati dei medici, che hanno invitato Governo e Regioni a non giocare col cerino sulla pelle di malati e operatori. «La Legge di bilancio 2018» commenta per esempio Anaao-Assomed, il sindacato degli ospedalieri più rappresentantivo «arriva oggi in Parlamento con un incremento nominale del Fsn di 1 miliardo, ma reale di soli 400 milioni, senza un finanziamento ad hoc per contratti e convenzioni bloccati da 8 anni». Critica sul rimpallo di responsabilità tra Regioni e Governo anche il secondo sindacato dei medici ospedalieri, la Cimo: «Nessuno ha il coraggio di dire con chiarezza commenta Guido Quici, presidente nazionale « che la sanità italiana è in fase di dismissione e che quella pubblica è in saldo. Dopo la drastica cura dimagrante a danno delle strutture ospedaliere, dopo l'enunciazione di un Piano delle cronicità non operativo perché non finanziato, dopo l'aumento esponenziale dell'out of pocket a danno dei cittadini, dopo la progressiva riduzione dell'offerta sanitaria nei presidi ospedalieri e negli ambulatori, eccoci arrivati all'ultimo stadio di un disegno perverso: demotivare il personale sanitario per aprire definitivamente la strada alla sanità privata e a chi ha interessi correlati».

Preoccupati anche i medici di famiglia, che già venerdì avevano diffuso una nota nella quale si ricordava che «senza investimenti economici, in particolare sulle risorse umane, non è possibile realizzare un'evoluzione della medicina del territorio». Non resta che vedere che cosa uscirà dal cilindro dell’iter parlamentare. (AS)

Notizie correlate

15/09/2017

Convenzioni, i medici: nella manovra più soldi per i rinnovi

La legge di bilancio per il 2018 dovrà prevedere «un reale incremento del Fondo sanitario», senza il quale «non ci saranno le condizioni per il rinnovo di contratti e convenzioni della sanità, se non puramente formale». E’ quanto scrivono una ventina di sigle sindacali...
09/12/2016

Manovra approvata, tetti e budget convenzionata sono legge

Approvata mercoledì dal Senato con voto di fiducia, la Manovra diventa legge con un’accelerazione che ha impedito alle commissioni e all’aula di Palazzo Madama il benché minimo intervento sul testo. Svaniti gli spazi per recuperare l’emendamento...
07/12/2016

Manovra: accelerazione al Senato, saltano tutti gli emendamenti

La Manovra schiaccia sull’acceleratore e approda già da oggi all’aula del Senato, dove dovrebbe scattare il voto di fiducia che confermerà il testo varato dalla Camera. E’ quanto ha deciso ieri a maggioranza la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama...
29/11/2016

Manovra/1 – Tancredi (Ap): su rurali più chance al Senato

L’emendamento 59.79 sulle agevolazioni a rurali e piccole farmacie è rimasto in un cassetto della commissione Bilancio di Montecitorio, assieme a interi articoli della Manovra, perché il testo andava licenziato nei tempi concordati. Ma resta aperta la possibilità di ripresentarlo al Senato, dove ci sono buone chance che venga approvato...
19/11/2016

Emendamento su rurali nei “900” che entrano in Commissione

Passa indenne anche dalla scrematura delle “preferenze” di gruppo l’emendamento 59.79 sulle soglie di fatturato per le agevolazioni alle farmacie rurali. E’ l’ultimo aggiornamento che in tema di Manovra arriva dalla Camera, dove la commissione Bilancio sta...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni