Edicola

Audizione Federfarma al Senato: i motivi del no alla vendita dei farmaci con ricetta fuori farmacia

27/07/2007 12:59:40

Nel corso di una audizione in Commissione Industria del Senato i rappresentanti di Federfarma hanno  spiegato i motivi per i quali la vendita dei farmaci C con obbligo di ricetta fuori dalla farmacia costituirebbe un grave rischio per la salute dei cittadini e per l’efficienza del servizio farmaceutico.  Tale misura, infatti,  determinerebbe uno stravolgimento dell’intero sistema:  i piccoli centri resterebbero senza farmacia, che in molte zone e’ l’unico presidio sanitario facilmente accessibile.  Su tutto il territorio si assisterebbe ad una riduzione della qualità del servizio fornito dalle farmacie che non potrebbero certo dare i servizi che danno oggi ne’, tanto meno, i nuovi servizi aggiuntivi richiesti dai cittadini e dalle istituzioni.

Questa la sintesi della posizione espressa da Federfarma al Senato:


L’articolo 2 del disegno di legge AS 1644, introdotto dalla Camera a seguito dell’approvazione di un emendamento a firma Sergio D’Elia, consentirebbe la vendita da parte di supermercati e parafarmacie di tutti i medicinali con obbligo di ricetta medica, quando non erogati a carico del SSN (fascia C).
La prima conseguenza di questa misura dirompente, anche se volutamente non evidenziata con la necessaria chiarezza dai suoi sostenitori, sarebbe l’istituzione, al di fuori di ogni regola, di vere e proprie farmacie “non convenzionate” con il SSN, in sovrapposizione alla rete delle farmacie attuali.
Si tratterebbe di un passo decisivo e irreversibile verso la deregolamentazione selvaggia del sistema e verso lo scardinamento delle regole che oggi garantiscono una presenza capillare delle farmacie su tutto il territorio nazionale, dalla grande area metropolitana al piccolo centro rurale o montano.
Per questo motivo, Federfarma, convinta che la tutela della salute debba poter contare sempre su regole certe e condivise, afferma con forza la disponibilità a rivedere e rimodulare le regole che assicurano il funzionamento del servizio farmaceutico al fine di adeguarle alle esigenze della collettività, in particolare con l’obiettivo di verificare ed eliminare eventuali carenze del sistema, sia per quanto riguarda la presenza territoriale delle farmacie sia per quanto riguarda la qualità del servizio.
Allo stesso tempo, Federfarma esprime la propria netta contrarietà a forme di deregolamentazione selvaggia del servizio farmaceutico, finalizzate a distruggere un sistema che funziona, è apprezzato dai cittadini e può essere migliorato ulteriormente senza essere stravolto.
Per questi motivi, Federfarma chiede la soppressione dell’articolo 2 del DDL in esame. Un impegno in tal senso è già stato assunto a nome del Governo dal Ministro della salute Livia Turco.
Analogamente, Federfarma chiede la soppressione dell’articolo 7 del DDL, tendente ugualmente a ridurre il livello di garanzie nei confronti del cittadino attraverso l’abolizione del requisito dell’idoneità o della pratica professionale per l’acquisto delle farmacie e la possibilità di costituire mini-catene di farmacie di proprietà di un unico farmacista titolare.

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni