Edicola

L'influenza presenta il conto: la denuncia di Federanziani

13/02/2007 16:56:42

Pubblichiamo il comunicato stampa diramato da Federanziani il 13 febbraio per denunciare gli alti costi per la collettività dovuti al limitato ricorso alla vaccinazione antinfluenzale.

COMUNICATO STAMPA FEDERANZIANI


Tre quarti dei lavoratori non si vaccina mai, mentre si tutela il 66% dei pensionati. Un'indagine di FederAnziani fornisce un utile contributo per abbattere le perdite al sistema economico: ogni vaccino produce risparmi pari a 10-15 volte il suo costo.

L'INFLUENZA PRESENTA IL CONTO: 32 MLN DI GIORNATE LAVORO PERSE E 3 MLD DI EURO DI COSTI PER AZIENDE, STATO E FAMIGLIE.

Un conto salato, pesante quello che l'influenza presenterà anche quest'anno alle aziende, allo Stato e alle famiglie: poco meno di 3 miliardi di euro di costi diretti, escludendo quelli indiretti, ed oltre 32 mln di giornate di assenza dal posto di lavoro. Un "impatto" economico pari ad una "manovrina", che scaturisce dall'indagine nazionale su "Cittadino e vaccino" commissionata da FederAnziani allo scopo di avere contezza del fenomeno e tracciare le possibili contromisure.
Nei paesi industrializzati l'influenza rappresenta la terza causa di morte per malattie infettive, dopo l'Aids e la tubercolosi. Nonostante questo e sebbene siano palesi e ingenti i danni che provoca, si continua a trascurare l'unica arma vincente per combatterla: la vaccinazione. Nel nostro Paese, il programma di prevenzione è concepito come deterrente alle complicanze della malattia (per bambini e anziani), e non come fattore di risparmio per il sistema economico. A supporto di ciò sono i dati. Eloquenti. La vaccinazione in Italia interessa solo il 18% della popolazione, poco più di dieci milioni di soggetti, di cui il 66% sono persone da 65 anni in su, che ricevono le dosi gratuitamente dal Ssn. Il vaccino, invece, è quasi sconosciuto dai 20 ai 64 anni (dal 2 al 7% dichiara di assumerlo). Tre quarti dei lavoratori non si vaccina mai e, quindi, va in ufficio o in azienda nella consapevolezza di avere una buona possibilità di contrarre febbre e malessere o, viceversa, e di trasmetterli ai colleghi ed ai cittadini. Ad essere carenti nella prevenzione sono proprio le categorie a rischio  (insegnanti, personae asili nido,addetti alle poste, dipendenti difesa e pubblica amministrtazione,forze di polizia,medici, infermieri, etc.): solo il 23% si vaccina annualmente, il 13% lo fa saltuariamente e ben il 64,1% non lo ha mai fatto. Nel 2006 l'influenza ha steso a letto poco meno di 9,6 milioni di italiani e non meno saranno quelli che dovranno fare i conti con l'Americana, il ceppo di quest'anno. Nella fascia dei lavoratori (poco meno di 5 mln) la metà è guarita in meno di una settimana, il 30% è restato a casa i "classici" sette giorni, mentre per i restanti malati i sintomi sono durati più di una settimana. Il danno per i datori di lavoro pubblici e privati e' di 1,9 mld, a cui bisogna aggiungere le mancate entrate dell'Inps, i costi del Ssn e delle famiglie per le cure, la mancata produzione, il lavoro dei medici, ecc. Per abbattere queste cifre non si può far altro che incoraggiare con specifiche campagne di sensibilizzazione i lavoratori a vaccinarsi, rendere facile ed accessibile la vaccinazione , come ad esempio la possibilità di effettuare tale prevenzione all'interno delle 17.000 farmacie disclocate su tutto il territorio. FederAnziani ha calcolato che se si riuscisse ad immunizzare i 23 milioni di lavoratori italiani si spenderebbero 117 mln di euro (5 euro per dose), ma i risparmi reali sarebbero almeno di dieci-quindici volte superiori,
La conferma della mancata attenzione 'a monte' è sostenuta anche dal Prof. Francesco Mennini, del Ceis dell'Università di Roma "Tor Vergata", che sottolinea: "La nostra spesa per prevenzione in generale si attesta su livelli prossimi a quelli dei paesi meno industrializzati, e il problema legato alla vaccinazione per l'influenza conferma il dato. E', quindi, necessario focalizzare l'attenzione sull'accrescimento dell'efficienza della spesa sanitaria. Vi è la necessità - aggiunge Mennini - di creare i presupposti per promuovere una ottimale allocazione delle risorse, aumentare la soddisfazione dei cittadini ed evitare duplicazioni delle prestazioni e possibili iniquità. Aumentando l'efficienza dei servizi erogati, mediante l'utilizzo di incentivi, si potrebbero liberare risorse utili ad accrescere il livello di salute se opportunamente investite in altre determinanti della salute stessa quali, ad esempio, gli interventi di prevenzione rivolti alla popolazione a rischio".
Il sondaggio completo sarà disponibile on-line sul sito: www.federanziani.it.

Per contatti: 063721741 - 3483726123    L'Ufficio stampa

Roma, 13/02/2007

Visualizza le elaborazioni di Federanziani

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni