Farmaci e Farmacie

Sintesi della ricerca

Gli italiani conoscono bene la farmacia (90%) più di qualunque altro canale distributivo; apprezzano il farmacista pur rivolgendogli alcune critiche (l'81% lo stima e ne ha fiducia); difendono con forza il 'modello italiano di farmacia', rigettando per il 78% il drugstore all'americana (ove si trovano alimentari e farmaci da banco insieme a molti altri tipi di prodotti svariati).

Sono questi alcuni dei principali risultati dell'ampia indagine demoscopica commissionata da Federfarma (l'organizzazione dei titolari di farmacia) e realizzata da Astra nel febbraio 2005 tramite 2004 interviste 'face to face' somministrate col metodo CAPI - in collaborazione con Doxa - ad un campione rappresentativo della popolazione italiana dai 15 anni in su, pari a un universo di 49.7 milioni di persone. I dati di questa ricerca verranno confrontati ove possibile con quelli dell'analogo studio svolto per Federfarma nel 1988.

Il primo dato é straordinario: nove italiani su dieci (44.5 milioni su 49.7) sono stati almeno una volta in farmacia negli ultimi due anni, il che significa che essa è il primo canale distributivo nel nostro Paese (il supermercato é al 2° posto con l'88% e il bar é al 3° posto con l'87% degli ultra14enni): nel 1988 la percentuale era dell'86%, un po' più bassa di quella attuale. Sono solo alcuni giovanissimi e vecchi a non esser stati recentemente in farmacia.

Quanto alla frequenza in farmacia, il 14% (pari a 6.3 milioni) ci va almeno settimanalmente (era meno del 13% diciott'anni prima); il 26% (11.2 milioni) all'opposto ci va due volte all'anno o meno; il 60% (26.8 milioni) si colloca su livelli intermedi (con una crescita di 17 punti percentuali in quasi quattro lustri): essendo più forti frequentatori per sé e/o per altri le donne, gli ultra44enni, i residenti nei comuni con meno di 10mila abitanti, le casalinghe e i pensionati con i lavoratori autonomi, i soggetti con la sola licenza elementare o nessun titolo di studio; mentre i deboli frequentatori - quasi dimezzati in 18 anni - sono soprammedia uomini, men che 35enni, laureati e diplomati, imprenditori/dirigenti/pro-fessionisti così come studenti e salariati. In generale sono le 'lei' a farsi carico - anche qui - dei rapporti con la farmacia, mentre il ricorso a questo canale cresce con l'età e diminuisce con il reddito, i consumi, il titolo di studio (i privilegiati stanno meglio e sono più serviti da altri).

Il 91% dei clienti dei farmacisti fanno acquisti per sé, mentre il 78% per altri. Questi ultimi sono ben 34.7 milioni di nostri connazionali, che fanno acquisti in questi punti-vendita specializzati anzitutto per i 35-64enni (21.3 milioni), seguiti dai bambini e dai ragazzi 0-17enni (13.9 milioni) e poi dai giovani adulti 18-34enni (12.8 milioni), con infine 11.3 milioni che si recano in farmacia per gli anziani dai 65 anni in su (in quest'ultimo caso dominano vecchi che si danno da fare per altri vecchi).

Rispetto a 4-5 anni fa, mentre quasi la metà degli adulti (21.3 milioni) non segnala alcun cambiamento nella propria frequenza di visita in farmacia, coloro che dichiarano di andarci più spesso (17.0 milioni) sono quasi il triplo dei 'calanti' (6.3 milioni). Le motivazioni spontaneamente indicate dai 'crescenti' riguardano, in ordine decrescente, i maggiori problemi di salute dei familiari e - poco meno - propri; il bisogno di acquistare più cosmetici, prodotti dietetici e per l'infanzia, ecc. davvero seri e qualificati; il raggiungimento dell'autonomia (per 700mila giovani); la perdita di ogni aiuto (per vedovanza o per fuoriuscita della figlia dal nucleo familiare: per mezzo milione di anziani).

E la fedeltà alla stessa farmacia? Come nel 1988 il 66% dei frequentatori del canale (ricordiamolo: nove italiani su dieci) va da sempre nella medesima farmacia, escludendo naturalmente i periodi in cui é via per viaggi o vacanze: si tratta di oltre 29.1 milioni di persone (soprammedia ultra54enni, residenti nei comuni piccoli e rurali oltre che nel Triveneto, con reddito e scolarità medio-bassi e bassi); all'opposto, i 15.4 milioni di 'infedeli' risultano essere più della media 15-44enni (senza pari i giovanissimi), di classe socio-economica e titolo di studio medi o superiori, residenti nei comuni medio-piccoli e in quelli con più di 100mila abitanti oltre che in Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria e Marche.

Ma qual é l'immagine sociale della farmacia? Nell'insieme - con un miglioramento di 6 punti in quasi 20 anni - buona (42%) o ottima (44%): in effetti, a fronte dei 38.3 milioni che la apprezzano, solo un settimo dei suoi frequentatori recenti la criticano assai (6.1 milioni molto e 0.1 milioni in modo totale e violento).

I principali motivi di positiva valutazione di questo canale sono:

  • il personale: "in generale cortese e cordiale" (80%) e "competente e specializzato" (72%)
  • la vicinanza a casa o al lavoro, la presenza diffusa e molecolare (80%)
  • l'assortimento crescente e qualificato di prodotti al di là dei farmaci: quelli sanitari per la salute (79%), per il benessere (75%), per la prima infanzia e la crescita dei bambini (68%), dietetici (68%), omeopatici (64%), dell'erboristeria seria e scientifica (58%), cosmetici "di ottima qualità e di marche qualificate" (57%), veterinari (33%)
  • la capacità di "dare un senso di garanzia, di sicurezza" (78%), anche perché la farmacia é "indispensabile per garantire la salute della gente" (77%), mentre negli altri canali (erboristerie, profumerie, ecc.) "troppe volte certi prodotti vantano proprietà curative senza alcuna garanzia di qualità e sicurezza" (49% vs il ben maggiore 68% del 1988): al contrario "la farmacia non vende prodotti che promettono miracoli e che poi non funzionano o fanno male" (48%)
  • il giusto ottemperamento alle norme che regolano la fornitura dei farmaci che richiedono la ricetta del medico (74%)
  • il netto miglioramento del lay-out e dell'esposizione dei prodotti, ora "in generale adeguati e razionali" (69%); dell'arreda-mento, "gradevole ed elegante" (69%); delle vetrine, "sempre più spesso belle, con ottimi prodotti e pubblicità" (63%); degli spazi interni, "sempre più spesso ben organizzati e facili da girare" (61%)
  • il persistente successo del canale: infatti, é "uno dei pochissimi tipi di punti-vendita che non ha risentito" dell'avanzata dei super e degli ipermercati (61%), "frequentato da sempre più gente" (60%) anche "per acquistare non farmaci" (50%).

Le critiche, invece, concernono:

  • i prezzi, a volte "troppo alti" (72%: era l'82% nel 1988), anche se il 51% (era il 42% diciotto anni prima) dichiara di "preferir pagare di più acquistando in farmacia certi prodotti (non farmaci) per avere la garanzia del farmacista" e tenendo conto che "i prodotti che si acquistano solo in farmacia sono più validi, seri e sicuri anche se non sono farmaci" (44%)
  • la presenza in farmacia, malgrado il netto miglioramento rispetto al 1988, di "troppi prodotti che non hanno niente a che fare con la salute" (50%: era ben l'80% diciotto anni prima).

Va aggiunto che i massimi fan si trovano tra le donne, i men che 45enni, nel sud continentale e in Sicilia, specialmente nei comuni al di sotto dei 10mila abitanti (senza pari in quelli ove operano le farmacie rurali); mentre un po' meno fautori risultano essere gli anziani, i poco e non scolarizzati, i soggetti con reddito e consumi medio-bassi e bassi (tutti per i prezzi) oltre ai ceti previlegiati (per l'assortimento).

Quanto al farmacista, i dati sono assai simili a quelli riguardanti il canale: 100mila adulti lo criticano violentemente e 6.7 milioni prevalentemente, 18.5 milioni lo apprezzano assai seppur con qualche riserva e 19.2 milioni lo adorano. Il 'goodwill' é maggiore tra i 35-54enni, al sud e nei comuni piccoli, nella classe media e tra salariati e casalinghe; mentre i dubbi risultano un po' maggiori della media tra i men che 35enni, gli uomini, gli abbienti, i residenti nei comuni medio-grandi.

I principali punti di forza dell'immagine sociale del farmacista concernono il fatto che esso é:

  • in genere "disponibile e cortese" (84%), leggermente di più se donna (era il 78% diciotto anni prima)
  • "un laureato esperto a cui ci si può rivolgere con fiducia" (80%: come nel 1988) e infatti "figura stimata e amata dalla gente" (70%), cui "spesso dà serenità e diminuisce le ansie" (66%)
  • "affidabile perché é obbligato a tutelare la 'privacy' dei clienti" (79%)
  • "in grado di dare informazioni, spiegazioni e consigli preziosi" (78%: era il 79% quasi quattro lustri prima); "d'aiuto nel risolvere tanti piccoli problemi della vita quotidiana" (68%); "svolgente un ruolo prezioso di educatore sanitario" (56%: quasi come nel 1988), anche perché "in genere conosce i problemi della sua zona" (51%) e "conosce a fondo i suoi clienti, a volte meglio del loro medico" (47%: un quarto in più di 18 anni prima)
  • "diventato più moderno e all'avanguardia" (67%), mentre solo un cliente su sei lo ritiene "meno affidabile di un tempo"
  • "svolgente un ruolo prezioso nella prevenzione di molte malattie" (46%).

Ma emergono talune riserve:

  • "il troppo frequente condizionamento da parte delle Case farmaceutiche" (56%)
  • l'iper-commercialità, l'essere "ormai un commerciante come tutti gli altri" (42%: era ben il 59% nel 1988) e il prevalere del negoziante sul professionista della salute al servizio dei suoi clienti (25%: meno della metà che 18 anni prima, quando la percentuale era del 53%)
  • l'essere "ormai diventato un burocrate" (24% versus il 42% della fine degli anni '80).

A integrazione si possono citare gli atteggiamenti, i sentimenti che i 44.5 milioni frequentatori della farmacia nell'ultimo biennio dichiarano di provare nei confronti del farmacista:

  • l'82% parla di "stima" e l'81% di "fiducia"
  • il 61% prova "simpatia" e il 39% addirittura "amicizia"
  • il 57% avverte "riconoscenza" e il 37% "ammirazione"
  • il 20% assoluto "non interesse"
  • il 7% "sospetto", il 5% "antipatìa", il 3% "rifiuto", l'1% persino "disprezzo".

In questo quadro variegato, ove prevalgono nettamente le luci sulle ombre, qual é l'opinione dei nostri connazionali sul 'modello italiano di farmacia'? Ebbene:

  • ben il 78% (vs il 69% del 1988) é nettamente favorevole al mantenimento del 'modello' attuale, caratterizzato dall'assoluta esclusiva della distribuzione dei farmaci (ospedali esclusi) sia 'etici' - richiedenti la ricetta medica - sia da 'banco', non meno che del legame indissolubile farmacista-farmacia
  • solo il 22% appare semi-favorevole (17%) o totalmente favorevole (5%) alla separazione tra farmacista e canale o addirittura al trionfo del 'drugstore' all'americana.

In dettaglio:

  • il 65% ritiene "giusto che i farmaci senza ricetta medica si possano acquistare solo in farmacia, a difesa della salute della gente"
  • solo il 16% dice che "le farmacie non servono a niente dato che si potrebbero benissimo vendere tutti i farmaci in un reparto dei supermercati, degli ipermercati, dei grandi magazzini purché a fornirli sia un farmacista".

É interessante notare che i maggiori sostenitori del 'modello italiano di farmacia' sono le donne, i 15-24enni e i 45-54enni, i residenti nei comuni piccoli oltre che nel Triveneto e al sud, i salariati; mentre i più ostili sono - su livelli sempre assai bassi - i laziali, i laureati, i soggetti di classe medio-alta e alta.

Come sempre, sono gli italiani che vivono nei comuni piccoli i più entusiasti e fedeli sostenitori della farmacia, la quale - specie nei centri minori (comunque quelli con meno di 100mila abitanti) - é anche "un luogo d'incontro tra tante persone diverse" (34%), mentre ivi "il farmacista é ancora una delle persone più note e autorevoli della zona" (38%): il tutto specie per gli ultra44enni, i pensionati, le casalinghe, i lavoratori autonomi e in genere i soggetti che non hanno più della licenza media.

Alla conclusione del colloquio é stato chiesto agli intervistati di indicare "quali cambiamenti e miglioramenti i farmacisti dovrebbero introdurre per essere più apprezzati dalla gente". Ora, solo il 39% ne ha segnalati, concentrando l'attenzione su dieci aree. Esse, in ordine decrescente sono:

  1. migliorare le relazioni col cliente, anzitutto offrendo umanità, gentilezza, cordialità, disponibilità e tempo dedicati all'ascolto e al dialogo (specie con gli anziani)
  2. garantire professionalità, un approccio non superficiale, aggiornamento continuo, una selezione più severa e ficcante dei non farmaci
  3. accrescere l'attività di consiglio/consulenza
  4. sviluppare l'offerta di preparazioni (galeniche), prodotti (generici e - meno - omeopatici ed erboristici) e servizi (misurazioni della pressione, della glicemia, del colesterolo, ecc.; pronto soccorso; e altri)
  5. investire di più nella prevenzione
  6. ridurre l'approccio iper-commerciale e il condizionamento da parte delle Case farmaceutiche, offrendo maggior trasparenza
  7. garantire prezzi più bassi (o non maggiorati per il servizio notturno)
  8. investire nel personale e nella sua qualificazione e motivazione
  9. ampliare gli orari d'apertura e garantire, al di fuori delle grandi città, una miglior programmazione/offerta delle aperture nel week-end e durante la notte
  10. farsi conoscere di più, comunicare alla popolazione.

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni